Ornella Vanoni/ “Gino Paoli? La moglie mi chiese di farmi da parte…”

- Elisa Porcelluzzi

Ornella Vanoni ricorda la sua storia d’amore con Gino Paoli: “Ci sono voluti anni per togliermelo dalla testa ma, per fortuna, non ci siamo mai persi”.

ornella_vanoni_gino_paoli_lapresse_2017
Ornella Vanoni e Gino Paoli (Foto: LaPresse)

Ornella Vanoni è tornata a parlare della storia d’amore con Gino Paoli. I due artisti si sono conosciuti in sala di registrazione quando entrambi avevano 26 anni. Tra loro è nata una relazione tanto intensa quanto difficile, anche perché Paoli era già sposato con Anna Fabbri. Per Ornella Vanoni, Gino Paoli ha scritto “Me in tutto il mondo” e “Senza fine”. “Ci siamo innamorati come pazzi. Solo che lui aveva già una moglie. E oltre a tradire lei, tradiva anche me. Io lo cercavo, non c’erano i telefonini allora, ma non lo trovavo mai. E piangevo, piangevo…”, ha raccontato Ornella Vanoni al settimanale F. La cantante ha molto amato Paoli ma ha anche molto sofferto: “Gino ha detto che di noi io ricordo sempre le lacrime e lui le risate: certo, abbiamo anche riso, ma ciò non toglie che io abbia pianto moltissimo”.

Ornella Vanoni: “Ho pianto moltissimo per Gino Paoli”

Sulle pagine del settimanale F. Ornella Vanoni ha spiegato che è stata lei a lasciare Gino Paoli dietro richiesta di Anna Fabbri: “È stata sua moglie a chiedermi di farmi da parte. Io l’ho fatto. Eravamo a Forte dei Marmi, lui cantava alla Bussola. “Accompagnami alla stazione”, gli ho chiesto. E sono sparita. Avevo il cuore in pezzi ma non è nel mio Dna lottare per tenere un uomo vicino a me”. Poco dopo Paoli ha iniziato una relazione con la giovanissima Stefania Sandrelli: “Ci sono voluti anni per togliermelo dalla testa ma, per fortuna, non ci siamo mai persi. Ci siamo detti che, se arriveremo ai 90 anni, faremo un altro concerto insieme”, ha concluso la Vanoni. Dopo la fine della relazione con Paoli, la Vanoni ha sposato il noto impresario teatrale Lucio Ardenzi, con cui ha avuto il figlio Cristiano: “Quel matrimonio fu un errore. Io volevo ancora bene a Gino e lui mi ha sconsigliato sino all’ultimo, minacciando persino di venire alla cerimonia a cantare Senza fine” ha raccontato anni fa al Corriere della Sera.



© RIPRODUZIONE RISERVATA