Papa Francesco/ “Insulti ai governanti? Qualcuno se li merita, ma c’è troppo odio”

Papa Francesco e gli insulti ai politici: “Qualcuno se li merita, ma c’è la cultura dell’odio e delle liti”

papa francesco mauritius lapresse1280
Papa Francesco (LaPresse)

Papa Francesco punta il dito nei confronti dei politici. Nell’omelia della messa celebrata nella domus Santa Marta in Vaticano, il primo incontro dopo la pausa estiva, il Pontefice si è rivolto così ai fedeli presenti: “Pregare per i politici di tutti i colori, tutti! Pregare per i governanti; e anche i governanti, responsabili della vita di un Paese, devono pregare per il loro popolo”. Quindi Bergoglio ha aggiunto: “C’è chi afferma che la politica è sporca. Può essere sporca come può essere sporca ognuna delle professioni, ognuna: siamo noi a sporcare una cosa, ma non è la cosa in sé che è sporca”. Secondo Sua Santità, i politici, così come i preti e i vescovi, vengono spesso insultati, ma non sempre gli epiteti sono sbagliati: “Qualcuno se lo merita – dice il Santo Padre – ma ormai è come un’abitudine”. Il Papa parla di “rosario di insulti e di parolacce, di squalificazioni. Sono sicuro che non si preghi per i governanti, anzi: sembrerebbe che la preghiera ai governanti sia insultarli. E così, va la nostra vita nei rapporti con chi è al potere”.

PAPA FRANCESCO: “INSULTI AI POLITICI? QUALCUNO SE LI MERITA”

Secondo Papa Francesco nessuno ha pregato per i governanti italiani in occasione della recente crisi di governo che ha portato alla “scissione” del Movimento 5 Stelle dalla Lega, e alla conseguente nascita del nuovo esecutivo formato da esponenti grillini ed altri del Partito Democratico e di LeU: “chi di noi ha pregato per i governanti? – domanda Francesco – Chi di noi ha pregato per i parlamentari? Perché possano mettersi d’accordo e portare avanti la patria? Sembra che lo spirito patriottico non arrivi alla preghiera ma alle squalificazioni, all’odio, alle liti… e finisce così. Si deve discutere e questa è la funzione di un Parlamento, si deve discutere ma non annientare l’altro. Anzi, si deve pregare per l’altro, per quello che ha un’opinione diversa dalla mia”. Secondo il Papa è necessario “Pregare per i politici di tutti i colori, tutti! Pregare per i governanti; e anche i governanti, responsabili della vita di un Paese, devono pregare per il loro popolo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA