Pasquale Leonardo, morto suicida a Rimini/ La famiglia: “Non si è ucciso”

La famiglia di Pasquale Leonardo, il 31enne uccisosi lo scorso ottobre, chiede che si proseguano le indagini sulla morte

Pasquale Leonardo (Rai)
Pasquale Leonardo (Rai Tre)

Alla trasmissione “Chi l’ha Visto?” si torna a parlare della tragica fine di Pasquale Andrea Leonardo, il 31enne originario di Reggio Calabria, scomparso il 15 ottobre dell’anno scorso da Bologna. Quel giorno, l’ultima volta che ha avuto dei contatti con i suoi famigliari, aveva chiamato la madre: “Sto tornando”. Peccato però che poco dopo il ragazzo venne trovato senza vita a Rimini, dopo essere finito sotto un treno. Per gli inquirenti si è trattato di un suicidio, di un gesto volontario, ma la famiglia è convinta che Pasquale non abbia fatto tutto da solo: «Pasquale non era stato riconosciuto perchè non aveva con se i documenti – racconta la mamma ai microfoni della trasmissione di Rai Tre – siamo convinti che non sia stato un gesto volontario, quindi abbiamo chiesto la riapertura delle indagini. chiedo a chiunque lo abbia visto o incontrato quel giorno, di mettersi in contatto con noi o con la trasmissione, qualsiasi informazione potrebbe essere utile».

PASQUALE LEONARDO, MORTO SUICIDA A RIMINI

Sono diversi i punti oscuri di questa vicenda, a cominciare dagli ultimi istanti di vita di Pasquale, che aveva detto alla mamma di avere alcune faccende da sbrigare, e che doveva quindi partire. Ha preso un treno da Reggio e si è recato a Como, quindi Milano Centrale, Bergamo e infine Bologna. Nel capoluogo emiliano l’ultimo contatto, e la mamma Sara e la sorella Alessandra, si erano recate tempo fa nella città degli “asinelli”, per provare a scoprire qualche dettaglio in più sulla sparizione del figlio (non era ancora stato trovato il cadavere) assieme ad un giornalista di “Chi l’ha Visto?”. Pasquale era un po’ sotto tono perché era disoccupato, non riusciva a trovare lavoro, e non sapeva cosa fare: ma possibile che si sia suicidato, gettandosi sotto un treno, solo per questo? Come detto, la famiglia ha chiesto che si riaprano le indagini: sono attesi aggiornamenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA