PIANO VACCINI FIGLIUOLO: “7,5 MLN DOSI IN ARRIVO”/ “Aiutiamo Regioni in difficoltà”

- Davide Giancristofaro Alberti

Piano vaccini Figliuolo: la campagna vaccinale pronta ad accelerazione grazie all’arrivo di Johnson & Johnson, e dopo aver superato il problema AstraZeneca

bollettino vaccini
Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario Covid (LaPresse)

Nel giorno in cui ha ricevuto il vaccino AstraZeneca presso la Cecchignola, è stato il commissario straordinario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo a fare il punto sulla campagna di vaccinazione e sui suoi prossimi step. Come riportato da Tg Com 24, il generale ha annunciato che “il Piano vaccinale sta proseguendo come programmato: avremo per la fine di questo mese 7 milioni e mezzo di dosi che si vanno a comparare con i 6 milioni e mezzo arrivati in precedenza, tra gennaio e febbraio. Abbiamo avuto una piccola battuta d’arresto con 4 giorni di stop di AstraZeneca ma la stiamo già riassorbendo“. Sulle differenze che varie Regioni stanno mostrando nella capacità di amministrare la vaccinazione, Figliuolo ha detto che “stiamo risolvendo i problemi laddove se ne stanno di legati a sistemi informativi o di natura organizzativa, ma siamo in perfetta sintonia con le Regioni e sono assolutamente confidente“. (agg. di Dario D’Angelo)

PIANO VACCINI FIGLIUOLO: “DOSI JOHNSON & JOHNSON IN ARRIVO”

Scatterà a brevissimo il nuovo piano vaccinale in Italia, così come da indicazioni del Generale Figliuolo, commissario straordinario covid. Superata la querelle AstraZeneca, con l’Ema che ha rilasciato il suo lasciapassare, a breve le vaccinazioni subiranno il boost decisivo, arrivando fino alle attese 500mila somministrazioni ogni giorno. “Le dosi del vaccino Johnson & Johnson arriveranno in Italia nella seconda metà di aprile e in quel periodo l’obiettivo fissato è la somministrazione di 500mila dosi al giorno”, sono le parole del generale Figliuolo parlando con la stampa dopo essere stato vaccinato alla Cecchignola a Roma, al drive trough, riportate da Skytg24.it.

Assieme a lui anche il Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, ed entrambi hanno atteso assieme ad altri cittadini e militari seguendo i regolari protocolli per la somministrazione, ricevendo il siero di AstraZeneca. “In alcune regioni – ha proseguito Figliuolo – l’annullamento delle prenotazioni dei vaccini con AstraZeneca è stato del 20%, in altre del 10% e in altre ancora non c’è stato. Quindi il differenziale e praticamente zero”, aggiungendo che “ci sarà un’accelerazione”.

PIANO VACCINI FIGLIUOLO: “BATTUTA D’ARRESTO MA STIAMO RECUPERANDO”

Quindi il generale Figliuolo ha aggiunto: “Abbiamo avuto una battuta d’arresto ma già da ieri stiamo recuperando” e ora ci sarà “una forte accelerazione”. Obiettivo raggiungere l’immunità di gregge entro la fine dell’estate, di conseguenza, vaccinare “l’80% della popolazione entro fine settembre”. Decisamente ottimista quindi il commissario covid, convinto che nel giro di qualche settimana la campagna vaccinale possa accelerare in maniera significativa, grazie soprattutto all’arrivo del vaccino di Johnson & Johnson che ricordiamo, è il primo vaccino monodose, che non necessita quindi di una seconda iniezione per permettere l’immunizzazione. Da segnalare inoltre che lo slittamento delle dosi di AstraZeneca di questa settimana, verrà recuperato nella giornata di mercoledì prossimo: si tratta di 134mila dosi che erano state annullate dopo la sospensione da parte dell’Agenzia Europe del Farmaco (Ema).



© RIPRODUZIONE RISERVATA