Pittogrammi Olimpiadi Tokyo 2020/ Video Show: 50 simboli riprodotti durante cerimonia

- Alessandro Nidi

Pittogrammi, che show nella cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Tokyo 2020: il video dell’esibizione mozzafiato che ha conquistato il mondo intero

pittogrammi olimpiadi 2020 640x300
Foto Twitter

I pittogrammi sono stati i grandi protagonisti della cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Tokyo 2020, andata in scena a partire dalle 13 di oggi (ora italiana). Uno spettacolo mozzafiato e, andando a memoria, privo di precedenti, nel quale alcuni individui vestiti di bianco e di blu hanno riprodotto tutti e cinquanta i simboli delle discipline presenti ai Giochi in landa giapponese, ideati proprio dal comitato organizzatore della kermesse a cinque cerchi in landa nipponica, contribuendo a creare un’animazione coinvolgente, che sta già facendo parlare di sé sui social network per il suo elevato coefficiente di spettacolarità e per la bravura dei suoi protagonisti.

I pittogrammi, di fatto, sono l’emblema di ogni singolo sport inserito nel palinsesto olimpico. Essi sono stati introdotti per la prima volta proprio ai Giochi di Tokyo 1964, per rispondere alla necessità di comunicare visivamente a un gruppo sempre più internazionale di atleti e spettatori e, da allora, sono stati realizzati per ogni edizione dei Giochi. Pur mantenendo una sorta di continuità con i disegni adottati nelle altre edizioni olimpiche, i pittogrammi di Tokyo 2020 non si pongono soltanto l’obiettivo di informare, ma sono stati ideati per mostrare nel modo più attraente il movimento degli atleti.

PITTOGRAMMI OLIMPIADI TOKYO 2020: I VIDEO DELLO SHOW

I pittogrammi rappresentati durante la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi di Tokyo 2020 rappresentano 33 sport e alcune discipline ne utilizzano più di uno. Come si legge sul sito del CONI, per l’occasione un team guidato dal famoso designer giapponese Masaaki Hiromura ha realizzato due set di 50 disegni il “Free Type” e il “Frame Type”. Le variazioni di colore sono state sviluppate usando esclusivamente il blu del logo di Tokyo 2020, abbinato, in alcune occasioni, ai cinque colori tradizionali giapponesi: kurenai, ai, sakura, fuji e matsuba.

“È un vero onore aver partecipato alla progettazione dei pittogrammi sportivi di Tokyo 2020 – ha sottolineato Hiromura –. Ho cercato di esprimere la bellezza della dinamicità degli atleti, rispettando l’eredità lasciata dai pionieri del design giapponese nei loro progetti di Tokyo 1964. Per realizzare questi pittogrammi abbiamo impiegato due anni e spero che possano ispirare tutti e contribuiscano a generare entusiasmo per i diversi sport”. I nuovi pittogrammi sono presenti, unitamente alla mascotte Miraitowa, all’interno di un film prodotto da Panasonic Corporation.



© RIPRODUZIONE RISERVATA