ELEZIONI REGIONALI 2010/ Come si vota: Regione Veneto, le liste, i candidati

- La Redazione

Come si vota: le elezioni regionali 2010 in Veneto si svolgeranno il 28 ed il 29 marzo. Luca Zaia (Lega Nord) affronta per il centrodestra Giuseppe Bortolussi (Pd)

UrnaElettorale3_R375
Immagine d'archivio
Pubblicità

Elezioni regionali 2010 – Veneto – Come si vota: Le elezioni regionali 2010 in Veneto si svolgeranno il 28 e il 29 marzo.
Si scontreranno il candidato del centrodestra Luca Zaia (Lega Nord) e il candidato del centrosinistra Giuseppe Bortolussi (Pd).

Per le elezioni regionali del 2010 Silvio Berlusconi aveva promesso a Umberto Bossi una candidatura leghista o in Veneto o in Lombardia. Il PdL decise di sacrificare Giancarlo Galan e questa scelta fu accolta con riluttanza sia dallo stesso Galan e sia da alcuni esponenti del PdL veneto.
I papabili leghisti furono Flavio Tosi, sindaco di Verona, e Luca Zaia, ministro dell’agricoltura; la Lega scelse il secondo.

Lega Nord

La Lega Nord in Veneto può puntare su un candidato proprio appoggiato da tutto il centrodestra. Luca Zaia, già ministro delle politiche Agricole Alimentari e Forestali si candida a Presidente della Regione. 

Unione di Centro

L’Udc sceglie di non allearsi con il centro-destra e presenta un proprio candidato: Antonio De Poli, sostenuto anche dall’Alleanza per l’Italia e dai movimenti venetisti Unione Nord Est, L’Intesa Veneta, Progetto NordEst e Liga Veneta Repubblica, che si presentano sotto il simbolo della Unione Nord Est.

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO  ELEZIONI REGIONALI 2010 – VENETO – COME SI VOTA

Partito Democratico, IdV e la Sinistra

Pubblicità

Il PD sceglie Giuseppe Bortolussi e l’Italia dei Valori che, dopo aver avanzato la candidatura autonoma di Massimo Donadi, attuale capogruppo alla Camera, decide di appoggiarlo. Bortolussi è appoggiato anche dai Radicali Italiani, dalla Liga Veneto Autonomo (movimento nato dalla scissione della corrente di sinistra della Liga), la Federazione della Sinistra e da una lista unica Sinistra Ecologia Libertà-Partito Socialista Italiano.

Partito Nasional Veneto

Il PNV, dopo le primarie vinte da Claudio Ghiotto e Gianluca Panto, candida Gianluca Panto.

Partito dei Veneti

Il Partito dei Veneti candida Silvano Polo, appoggiato da I Veneti di Patrick Riondato, dal partito Veneto Libero di Perin Lucio, dal Partito Autonomista Bellunese di Paolo Bambo, dal movimento Stato Veneto, dal movimento comunista Unità Popolare Veneta e dai dissidenti della Liga che hanno seguito Polo.

Movimento 5 Stelle

Il Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo propone come presidente David Borrelli, consigliere comunale a Treviso dal 2008, in precedenza candidato primo cittadino alle ultime elezioni amministrative.

 

Pubblicità

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO SULLE ELEZIONI REGIONALI 2010 IN VENETO

Elezioni regionali 2010, Veneto come si vota

L’elettore può:
– votare per una delle liste provinciali, tracciando un segno nel relativo rettangolo. Il voto così espresso s’intende attribuito anche a favore della lista regionale collegata;
– esprimere un voto disgiunto, cioè tracciare un segno nel rettangolo recante una delle liste provinciali ed un altro segno sul simbolo di una lista regionale, non collegata alla lista provinciale prescelta, o sul nome del suo capolista. In tal caso il voto è validamente espresso per la lista provinciale e per la lista regionale prescelte anche se non collegate fra di loro;
– esprimere un unico voto per una delle liste regionali e per il suo capolista tracciando un segno sul simbolo di una lista regionale o sul nome del capolista, senza segnare nel contempo, alcun contrassegno di lista provinciale. In tal caso s’intende validamente votata la lista regionale ed il suo capolista, mentre è esclusa ogni attribuzione di voto alla lista o alle liste provinciali collegate.

 

 

In ogni caso, l’elettore può esprimere un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere compreso nella lista provinciale prescelta, scrivendone nell’apposita riga tracciata sulla destra del contrassegno il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori