NON ANDRO’ A VOTARE/ Perché le stanze del potere politico sono solo un grande casinò

- Roberto Locatelli

Il voto degli italiani è stato reso inutile dal sistema elettorale e dalla classe politica. ROBERTO LOCATELLI spiega perchè il 4 marzo non andrà a votare

elezioni_voto_schede_elettorali_3_lapresse_2017
Lapresse

Caro direttore,
a poco più di due settimane dal voto ho più che mai le idee certe sul mio comportamento elettorale: non andrò a votare. Immagino la riprovazione dei più in merito al fatto che votare non è solo un diritto, ma un dovere civico, che il diritto di voto universale nel nostro Paese è stato conquistato dopo una successione di eventi che hanno riguardato dapprima il ventennio fascista e poi la sciagurata seconda guerra mondiale, per concludere con l’anatema del “se non voti, poi non puoi neppure lamentarti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori