LUCA PASQUARETTA: “HO PRESO AVVISO DI GARANZIA AL POSTO DELLA APPENDINO”/ Di Maio preoccupato da caos Torino

Luca Pasquaretta, ex portavoce della sindaca di Torino, Chiara Appendino: “Ho preso un avviso di garanzia al suo posto: non posso essere abbandonato”.

10.02.2019 - Dario D'Angelo
luca pasquaretta
M5s, Chiara Appendino (Facebook)

Rischia di gonfiarsi a dismisura il caso Pasquaretta, l’ex portavoce del sindaco di Torino, Chiara Appendino, che dopo l’inchiesta sulla falsa consulenza al Salone del Libro si sfogava così con amici ed ex colleghi: “Mi sono preso gli avvisi di garanzia al posto suo, ora non posso essere abbandonato”. Il riferimento nelle conversazioni telefoniche che lui non credeva essere intercettate è proprio alla sindaca 5 Stelle e suona particolarmente strano alla luce del fatto che, come riporta Repubblica, Pasquaretta “ha sempre negato che lei fosse a conoscenza di quella paga extra che aveva ricevuto indebitamente”. Ma le sue parole al telefono lasciano immaginare che proprio questo sia il segreto che tiene celato. A luglio 2018, infatti, messo con le spalle al muro dalla denuncia dell’opposizione, Pasquaretta si è sfilato, ha detto che avrebbe restituito i 5 mila euro che non gli spettavano, e si è preso l’avviso di garanzia per peculato. Da quel momento in poi hanno inizio le stranezze…

PASQUARETTA E APPENDINO, DI MAIO PREOCCUPATO

Dopo l’avviso di garanzia, dopo l’ammissione di colpa, Luca Pasquaretta ha dato inizio alle pressioni nei confronti di Chiara Appendino. Voleva che lei gli trovasse un altro incarico, che si occupasse di essere assunto o  a Roma al ministero dell’Economia o con l’europarlamentare Tiziana Beghin. Chiara Appendino, però, sostiene di non essersi mai sentita minacciata e ancora un mese fa ha invitato Pasquaretta alla festa di compleanno della figlia. Ma se la prima cittadina di Torino dice di non aver avvertito pressioni, lo stesso non si può dire dell’assessore Alberto Sacco, che agli inquirenti ha ammesso di aver vissuto come delle minacce nemmeno troppe velate frasi del tipo: “Qui succedono cose brutte perché sto perdendo la pazienza”. In tutto ciò vi è poi una questione politica non di poco conto, perché un eventuale coinvolgimento della Appendino significherebbe guai grossi per l’immagine del M5s. Ecco perché Luigi Di Maio ha chiesto chiarimenti ai suoi nei prossimi giorni, non celando una certa preoccupazione sul caso…



© RIPRODUZIONE RISERVATA