RAF/ “Da ragazzo avevo uno spirito ribelle, poi ho trovato la mia dimensione”

- Emanuele Ambrosio

Raf tra gli ospiti di Battiti Live, la kermesse canora dell’estate trasmesso su Italia 1. Tra i progetti futuri il nuovo tour con il collega Umberto Tozzi

RAF
Raf

Torna sul palco, stavolta senza Danti, Raf in questa terza puntata di Battiti Live 2020, ad Otranto. Il cantante è emozionato nel portare in scena uno dei suoi brani iconici e amatissimi dal pubblico: Infinito. Si passa a fare due chiacchiere con Elisabetta Gregoraci e Alan Palmieri che chiedono all’artista, citando una sua canzone, se ha poi ritrovato il suo ‘self control’. Lui racconta: “Da ragazzo avevo uno spirito ribelle, poi ho trovato una mia dimensione con una nota romantica.” Poi si parla del duetto fatto con suo figlio: “Il rapporto con mio figlio? La paternità è meravigliosa, ora non vuole che io mi occupi della sua musica, quindi sicuramente continuerà senza di me”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Raf sul palco di Battiti Live 2020

Raf torna in tv tra gli ospiti di Battiti Live, la kermesse canora dell’estate condotta da Elisabetta Gregoraci e Alan Palmieri e trasmessa in prima serata su Italia 1. Nella puntata di lunedì 10 agosto 2020 sul palcoscenico dell’evento musicale televisiva dell’estate 2020 ci sarà anche il cantautore che recentemente è tornato sulle scene con il singolo “Liberi” featuring Danti e Fabio Rovazzi. Intervistato da La Repubblica (data 28 giugno 2020) Raf ha dichiarato: “Danti è un portento, mi ricorda un po’ Bigazzi, ha questo dono della sintesi, è molto pop, molto più di me, e non lo nega. Se vuoi una canzone piena di riferimenti al linguaggio comune attuale Danti è un enciclopedia, sa metterli in fila nel posto giusto. Ma è ovvio che lavorare con me significava andare in una direzione diversa dalla sua abituale, non cercare la strada più facile o la soluzione più immediata, ma lo ha fatto con grande passione e impegno. Devo dire che questa è una canzone molto accattivante, con un bel ritmo radiofonico, che si sposa molto bene con la mia personalità”. L’artista ha poi scoperto che Danti è da sempre un suo grandissimo fan: “lui è innamorato di me, mi ha detto che la prima parola che ha detto quando è nato è stata ‘Raf’. Scherzi a parte è molto bello lavorare con un artista che ha una simile sintonia con te. Spesso quando decidi di scrivere una canzone per qualcun altro non ti viene, è difficilissimo, invece a lui è riuscito alla grande, io mi ci sono ritrovato subito, l’ho sentita come mia”.

Raf e la collaborazione con Fabio Rovazzi in “Liberi”

Un inedito trio per “Liberi” quello composto da Raf, Fabio Rovazzi e Danti. Un mix davvero originale che il cantautore di tantissimi brani di successo da “Battito Animale” a “Self control”, da “Cosa resterà di questi anni ’80” a “Infinito”, ha vissuto come sempre con grande emozione. In particolare l’artista, intervistato da La Repubblica (data 28 giugno 2020) si è soffermato anche su Fabio Rovazzi dicendo: “ho percepito la sua voglia di uscire dal personaggio che tutti conoscono, di fare cose diverse. Ci ha chiesto di esserci, lui collabora tanto con Danti e quindi lo ha chiamato, io ho accettato perché mi ha fatto capire che aveva voglia di far parte di una cosa bella, che non fosse un giochetto per ragazzini e basta, una canzone molto popolare, con riferimenti alla dance, alla house music, ma con una struttura di canzone, con uno “spessore” musicale che anche lui sta cercando”. Infine parlando proprio del singolo, Raf non ha alcun dubbio: “essere “liberi” è il desiderio di tutti oggi più che mai, soprattutto il mio”. Dopo il singolo estivo “Liberi”, il cantautore è pronto a tornare dal 2021 con la seconda parte del tour con l’amico e collega Umberto Tozzi che ha registrato un vero e proprio record di incassi. “La prima parte del tour nei palasport stata molto bella ed emozionante, un’esperienza con un caro amico di sempre” – ha detto Raf a Radio Italia (data 04 dicembre 2019) rivelando – “a grande richiesta, ma era anche una nostra volontà, riprenderemo nei teatri con una versione più acustica dei concerti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA