Raffaele Sollecito su Rudy Guede libero/ “Per sue bugie io e Amanda Knox in carcere”

- Silvana Palazzo

Rudy Guede libero, il commento di Raffaele Sollecito: “Per sue bugie io e Amanda Knox in carcere e abbiamo rischiato condanna”

raffaele sollecito quarto grado screen 640x300
Raffaele Sollecito, Quarto Grado

Raffaele Sollecito non è stupito dalla liberazione di Rudy Guede, ma non risparmia un attacco all’unico condannato per l’omicidio di Meredith Kercher, avvenuto a Perugia il 1 novembre 2007. «Lo prevede la legge, sulla base della condanna che gli è stata inflitta, e noi ci atteniamo alla legge», ha dichiarato all’AdnKronos. Il giovane pugliese, assolto con Amanda Knox, ha poi aggiunto: «Mi dispiace solo che non si sia mai pentito di quello che ha fatto, di aver ammazzato una povera ragazza».

Quindi, ha rievocato la sua vicenda giudiziaria a dir poco travagliata: «Mi dispiace che sono stato quattro anni in carcere e io e Amanda abbiamo rischiato di essere condannati a una pena per una cosa che non abbiamo fatto anche grazie alle sue bugie». In relazione alle dichiarazioni rese in passato da Rudy Guede, il quale si è sempre dichiarato innocente, Raffaele Sollecito ha spiegato: «Davanti alla televisione ha cambiato le sue dichiarazioni cercando di mettere in mezzo la mia figura e quella di Amanda in questo delitto».

AMANDA KNOX “RUDY GUEDE? SO CHE HA UCCISO MEREDITH”

Ma Raffaele Sollecito aveva parlato dell’omicidio di Meredith Kercher anche ai microfoni de Le Iene nelle scorse settimane. «Dopo il male che mi è stato fatto, dopo gli errori che in questo caso sono stati fatti, l’ingiustizia rimane. L’assoluzione passa in secondo piano, non se ne parla più tanto e mi trattano come una persona che l’ha fatta franca», le parole di Sollecito.

Amanda Knox aveva puntato direttamente il dito contro Rudy Guede: «Ci sono tutte le prove e tutti gli elementi per capire cosa sia successo quella notte e tutte portano a Rudy Guede. So che ha ucciso Meredith e so che lui non ammette di averlo fatto e che punta il dito contro di me e Raffaele. Lui era un uomo armato contro una donna senza arma, non deve essere per forza più complicato di così». Una tesi che Rudy Guede ha sempre smentito, dichiarandosi innocente. Oggi intanto può tornare in libertà, avendo ottenuto lo sconto sul fine pena. Eppure sono ancora tanti i dubbi sul delitto di Perugia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA