Recovery Fund, Dombrovkis “senza riforme niente soldi”/ Italia ‘costretta’ a piani Ue

- Niccolò Magnani

Valdis Dombrovskis fissa i paletti per il Recovery Fund “niente soldi e aiuti senza riforme credibili da parte dei Paesi Ue”

commissione ue bce spread
Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo della Commissione Europea (Foto LaPresse)

Lo aveva già fatto intendere più volte negli corsi giorni ma dopo questa intervista alla Welt Valdis Dombrovkis è assai più netto di quanto Paolo Gentiloni e Ursula Von der Leyen non lo siano già stati nel presentare il Recovery Fund: «Gli Stati membri che vogliono le risorse dal fondo dovranno presentare dei piani, nei quali dovranno far capire con quali riforme intendano incentivare la crescita e rafforzare le loro economie contro le crisi». Così il vicepresidente della Commissione Europea spiega nell’intervista al quotidiano tedesco chiarisce i “paletti” attorno all’adesione del nuovo “Next Generation Eu” ancora tutto da definire nel prossimo Consiglio Ue: «Se non ci sono le riforme, ovviamente non ci saranno neppure i soldi. Questa è una conseguenza logica e così avviene in molti programmi europei», chiarisce Dombrovkis di fatto accogliendo le richieste dei Paesi “frugali” (Danimarca, Austria, Svezia e Olanda) davanti ai 750 miliardi di euro che l’Europa stanzierà nei prossimi mesi per gli Stati membri più in difficoltà con la crisi coronavirus.

I PALETTI DI DOMBROVSKIS

«Le risorse verranno versate soltanto quando determinati obiettivi di riforma saranno raggiunti o saranno definite delle fasi di investimento. Complessivamente le soglie burocratiche per il fondo non saranno molto alte, ma dobbiamo comunque assicurarci che i piani dei governi effettivamente avviino le riforme necessarie», chiarisce il vicepresidente della Commissione Ue spegnendo qualche entusiasmo visto negli scorsi giorni in Italia e in Spagna. Il piano di riforme Ue “impostato” dalla linea Von der Leyen vede al primo posto economia verde, maggiore investimento nel digitale e obiettivi centrali del Green Deal europeo: l’Italia e tutti coloro che vorranno chiedere i fondi del Recovery Plan non potranno non proporre piani “credibili” alla Commissione, pena il non stanziamento degli aiuti economici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA