REMDESIVIR MENO EFFICACE DEL PREVISTO/ Ridimensionato il farmaco per il coronavirus

- Fabio Belli

Remdesivir meno efficace del previsto. Ridimensionato il farmaco per il coronavirus, la somministrazione a lungo termine non procura benefici significativi.

Farmaci lapresse 2020
Il Coronavirus aumenta l'ansia (Foto LaPresse)

Il Remdesivir potrebbe non essere così efficace come si pensava contro il coronavirus: il farmaco prodotto dalla Gilead Sciences Inc. ha mostrato solo un beneficio limitato in un ampio studio che comprendeva pazienti con sintomi moderati positivi al Covid-19, un risultato che può cambiare l’utilizzo della terapia già approvata per l’uso in casi gravi della malattia. Nella sperimentazione un gruppo di pazienti che manifestavano sintomi definiti “moderati“, ricoverati in ospedale, che hanno ricevuto il farmaco per cinque giorni, ha mostrato un modesto miglioramento rispetto a quelli che hanno ricevuto lo standard di cura. Ma un altro gruppo che ha ricevuto il farmaco per 10 giorni non ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo, il che probabilmente solleverà domande sul perché un decorso più lungo non aiuti di più. I pazienti gravemente malati non sono stati inclusi nella sperimentazione.

REMDESIVIR, CALANO AZIONI DELL’AZIENDA PRODUTTRICE

Le azioni della Gilead Sciences Inc., azienda produttrice del Remdesivir, sono scese del 2,8% a 75,68 dollari alle 9:36 del mattino a Wall Street. Sono aumentate del 16% quest’anno, in gran parte grazie all’ottimismo alimentatosi intorno al Remdesivir. Il farmaco della Gilead è diventato un simbolo degli sforzi per far ripartire l’economia e trattare efficacemente i pazienti colpiti dal coronavirus. Una terapia efficace contribuirebbe a ridurre il rischio per le persone che si ammalano, fornendo una maggiore certezza agli sforzi per rilanciare le economie di tutto il mondo. Lo studio clinico ha preso in esame pazienti ospedalizzati con Covid-19 che avevano una malattia meno grave, che avevano sviluppato polmonite ma che non presentavano una significativa riduzione dei livelli di ossigeno nel sangue all’inizio dello studio. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale per una somministrazione di 5 o 10 giorni di remdesivir oppure di cure standard, e poi valutati su una scala a 7 punti. Nel complesso, le differenze sono state piuttosto modeste e soprattutto una somministrazione maggiormente prolungata di Remdesivir non ha garantito risultati migliori.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA