RIALZO MATERIE PRIME/ Il trend che mette fuori competizione le nostre imprese

- Paolo Annoni

Il tema delle materie prime che ha al cuore quello energetico si sta rapidamente spostando dai consumatori alle imprese

Operaio Acciaio2 Lapresse1280 640x300
Lapresse

L’incremento dei prezzi delle materie prime e dell’elettricità è da tempo tema per qualche commento sull’inflazione o il rincaro della bolletta elettrica piuttosto che del pieno per la macchina. È certamente un aspetto centrale della questione a cui bisogna aggiungere quello non meno importante delle imprese.

Il problema in questo caso è più complesso; non è sempre possibile scaricare sui consumatori l’incremento dei costi delle materie prime soprattutto in una fase economica ancora fragile; è difficile programmare produzione e vendite in uno scenario di prezzi “record” e infine c’è una questione di competitività del sistema industriale se altri Paesi in un’economia aperta possono godere di costi sensibilmente più bassi o possono introdurre regole che in occidente non sarebbero possibili. 

Il tema della competitività del sistema industriale e dei costi dell’energia e delle materie prime non è nuovo, ma è sempre stato possibile affrontarlo grazie alla bravura degli imprenditori in termini di efficienza e innovazione del prodotto. Il discorso, però, vale entro certi limiti e comunque presuppone un’ampia disponibilità di materie prime ed energia. Lo scenario attuale è diverso. 

Appena due giorni fa un articolo della CNN descriva la situazione di diverse province cinesi alle prese con una mancanza di energia causata dalle basse precipitazioni, da una domanda crescente e dai limiti sull’uso del carbone. La “soluzione” del Governo è stata quella di razionare il consumo di energia elettrica obbligando le imprese a sospendere la produzione per alcuni giorni a settimana. Essendo poi il prezzo dell’energia elettrica regolato dal Governo, le utility non producono quando il prezzo del combustibile, per esempio il carbone, è troppo alto. Questa soluzione può funzionare in Cina sia per il suo sistema di governo, sia perché il Paese ha un mercato interno potenzialmente smisurato e costi di produzione bassissimi. Difficilmente questo sistema può essere riprodotto fuori dalla Cina con alcune produzioni che in Europa o in Italia, per esempio, semplicemente sono impossibili a causa del costo del lavoro e delle regole ambientali in un sistema che comunque si basa sui mercati globali aperti e catene di fornitura funzionanti.

In Europa il governo non potrebbe imporre per legge un prezzo dell’energia e poi agire obbligando le imprese a chiudere per limitare la domanda. Il sistema non è fatto per resistere a questo tipo di stress perché le imprese per poter controbilanciare gli alti costi di produzione e i costi imposti dalle regole hanno bisogno di tutta la flessibilità e l’autonomia possibili. I prezzi delle materie prime e dell’energia quindi salgono e questo significa mettere fuori competizione le imprese nello scenario globale anche assumendo che abbiano l’efficienza estrema del sistema industriale “italo-tedesco”. L’Europa ha fatto della competitività delle sue imprese e delle esportazioni la base del suo modello economico avendo un mercato interno che comunque sarà sempre meno oliato, pensiamo banalmente alle differenze di lingua, regole e preferenze tra i diversi Paesi membri, di quelli dei competitor. 

L’unica soluzione sarebbe imporre sui consumatori un qualche tipo di razionamento per salvare le imprese, ma avrebbe un respiro cortissimo sia perché i consumatori comprerebbero di meno, sia perché aumenterebbe la dipendenza dalle esportazioni. Questa riflessione ovviamente presuppone che il ritmo della transizione energetica e delle regole sia lo stesso ovunque.

Il tema delle materie prime che ha al cuore quello energetico si sta rapidamente spostando dai consumatori alle imprese e a ricordarcelo è quanto succede nella “fabbrica del mondo” e cioè la Cina. Il problema delle imprese si riflette poi sull’occupazione, sulle tasse e così via. La domanda è sempre quanto i consumatori siano disposti, man mano che lo comprendono, a mutare il proprio stile di vita per la “transizione energetica”. La disponibilità di energia programmabile a basso costo, materie prime sempre disponibili a costi accettabili non ci hanno regalato solo un “inutile consumismo” ma anche quelle efficienze e quella produttività che garantiscono beni economicamente accessibili e la sopravvivenza di settori che “non producono niente” a partire, per esempio, dalla sanità. Questo è tanto più vero per regioni con poco spazio, poche materie prime e risorse di base come l’Europa e ancora di più l’Italia. 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA