RIFORMA PENSIONI 2022/ Bombardieri (Uil): è ora che il Governo si svegli

- Lorenzo Torrisi

Riforma pensioni, le parole di Pasquale Tridico, Presidente dell’Inps, e di Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale della Uil

Pierpaolo Bombardieri
Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale Uil (LaPresse)

RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI TRIDICO

Partecipando al Festival del Lavoro organizzato dal Consiglio nazionale dei Consulenti del Lavoro a Bologna, Pasquale Tridico ha rilanciato la proposta di una misura di riforma pensioni per rendere gratuito il riscatto della laurea. Il Presidente dell’Inps, come riporta corriereuniv.it, ha evidenziato che “c’è da fare un intervento importante che ovviamente necessita di risorse importanti, quello della copertura di quel periodo formativo su base contributiva in modo che si possa, come avviene in Germania, riscattare la laurea in modo gratuito. Ora abbiamo il riscatto light che è un passo avanti, si riscatta la laurea nel modello contributivo con 20-22mila euro. Riscattare la laurea vorrebbe dire incentivare i giovani a studiare”. Sembra intanto che il Governo possa presto convocare di nuovo i sindacati.

LE CONSIDERAZIONI DI BOMBARDIERI (UIL)

A tal proposito Pierpaolo Bombardieri, a margine del Congresso della Uil Basilicata, spiega: “Aspettiamo la convocazione di Draghi e la data; poi, soprattutto, attendiamo risposte concrete alle nostre proposte”. Tra queste c’è naturalmente anche la piattaforma unitaria sindacale sulla riforma delle pensioni. Il Segretario generale della Uil, come riporta Ansa, evidenzia che in tema di pensioni “mi pare che il Governo sia andato in letargo. È ora che si svegli e che dia delle risposte perché le persone che lavorano hanno diritto di sapere come costruire il loro futuro”. “Alla fine di questo anno ci sarà un altro gradone di cinque anni, c’era un confronto avviato al quale il Ministro del lavoro ha dato risposte, si erano anche trovate intese per dare risposte a giovani, alle donne e ai lavori usuranti”, aggiunge.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI







© RIPRODUZIONE RISERVATA