RIFORMA PENSIONI 2022/ Quota 102, domande effettive inferiori alle attese

- Lorenzo Torrisi

Riforma pensioni, Vincenzo Caridi, Direttore generale dell’Inps, ha fornito alcuni dati relativi alle domande presentate per accedere a Quota 102

mortalità covid pensioni
Inps (Lapresse)

RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI CARIDI

In un’intervista al Corriere della Sera Vincenzo Caridi, Direttore generale dell’Inps, ha spiegato che finora sono state presente 6.400 domande per accedere a Quota 102, la misura di riforma delle pensioni che sarà valida solamente per quest’anno, salvo proroghe che potrebbero arrivare con la Legge di bilancio.

Caridi, come riporta Adnkronos, ha anche spiegato che il 75% delle domande presentate sono state accolte. Tuttavia, “le previsioni della relazione tecnica al provvedimento erano di 16.800 pensionamenti. Siamo quindi sotto le attese”. Rispetto al Reddito di cittadinanza ha invece evidenziato che “funzionano anche i controlli antifrode, sia preventivi sia successivi, in collaborazione con le Forze dell’ordine”.

I DATI SU QUOTA 100

Policymakermag.it ricorda, invece, che in base ai dati Inps, al 31 dicembre 2021 sono pervenute per Quota 100 “circa 482 mila, di queste poco meno di 380 mila sono le accolte (79%), 39 mila le giacenti (8%) e 63 mila le respinte (13%), per una quota di accoglimento rispetto al totale delle lavorate prossima all’86%. In particolare, i pensionati con domanda accolta che costituiscono la base dati del presente focus sono 379.860; di questi più di due terzi sono di genere maschile. La gestione di liquidazione è stata da lavoro dipendente privato per quasi la metà dei casi (49%), da lavoro dipendente pubblico per il 31%, da lavoro autonomo per circa il 20%”. Silvio Berlusconi, invece, intervistato dal Giornale, ha ribadito di voler aumentare le “pensioni minime, di anzianità o invalidità fino ai 1000 euro, anche per chi, come le nostre mamme e le nostre nonne, ha lavorato per tutta la vita per la famiglia”.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA