Rod Stewart guarito dal cancro alla prostata/ “Il buon Dio ha vegliato su di me”

Rod Stewart e la lotta contro il cancro alla prostata: il celebre artista ha tenuto segreto il tumore per due anni, ora è guarito.

rod stewart
Rod Stewart intervistato da Lorraine

Tra gli artisti rock di maggior successo della storia, Rod Stewart ha vinto la sua battaglia contro il cancro alla prostata: una lotta che ha tenuto in gran segreto negli ultimi tempi e di cui ha voluto parlare solo ieri, domenica 15 settembre, con il male ormai in remissione. Il tumore gli è stato diagnosticato nel febbraio 2016 nel corso di un controllo di routine e sono serviti tre anni per sconfiggerlo: Stewart ha deciso di raccontare la sua storia nel corso di un evento benefico per la raccolta fondi del Prostate Project and European Tour Foundation, organizzata al Wentworth Club nel Surrey. «Non lo sa nessuno, ma ho pensato che fosse giunto il momento di dirlo a tutti: ora sono fuori pericolo solo perché ho preso il cancro in tempo, ma ho ancora molti esami da fare», le parole dell’interprete di Forever Young.

ROD STEWART GUARITO DAL CANCRO ALLA PROSTATA

«Se sei positivo e lo affronti, continui a sorridere… Ho combattuto per due anni e sono stato semplicemente felice, il buon Dio ha vegliato su di me», ha aggiunto Rod Stewart, parlando dell’importanza di mantenere un approccio positivo per combattere il tumore. E ovviamente non poteva mancare l’invito alla prevenzione, risultata fondamentale per la sua guarigione: «Ragazzi, dovete andare davvero dal dottore: dito infilato dal di dietro e nessun danno». Tim Sharp, presidente del Prostate Project, ha sottolineato: «L’esperienza ha dimostrato che fa una grande differenza quando una celebrità come Rod Stewart esce allo scoperto a proposito della malattia. Un buon esempio sono state le parole di Stephen Fry e Bill Turnbull, che hanno deciso di rivelare le loro battaglie contro la malattia: non abbiamo dubbio che la decisione di Rod di annunciare la sua lotta contro la malattia sarà altrettanto efficace».



© RIPRODUZIONE RISERVATA