UOMO SBRANATO DA ROTTWEILER/ Massimo Sartori ha avuto un malore: morsi non fatali

- Emanuela Longo

Uomo sbranato da Rottweiler: Massimo Sartori ha avuto un malore che gli è stato fatale. Non è morto per I morsi due due animali

rottweiler pixabay
Rottweiler, foto Pixabay

Il 49enne trovato mercoledì senza vita a Pozzonovo, sbranato da due cani di razza Rottweiler, non è morto perchè ucciso dagli stessi animali. Massimo Sartori, questo il nome della vittima, è deceduto a causa di un malore. E’ questo quanto riportato in queste ultime ore da numerosi quotidiani locali, che sottolineano come dopo l’ispezione sul cadavere effettuata dai medici, sia stato escluso che il 49enne fosse stato ucciso dai suoi stessi cani. Secondo i risultati dell’esame, i morsi dei due cani, un esemplare femmina di nove anni, e un maschio di due anni, non sarebbero infatti mortali, come invece era stato ipotizzato in un primo momento. Sartori era cardiopatico ed avrebbe avuto un malore risultato fatale che lo avrebbe fatto cadere a terra. Una volta caduto, i suoi animali lo avrebbero morso, forse anche per svegliarlo e chiamarlo, ma non per ucciderlo. Non è comunque da escludere che il malore sia sopraggiunto dopo un inatteso attacco dei cani. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

UOMO SBRANATO DA ROTTWEILER: 49ENNE TROVATO SENZA VITA

Dramma in provincia di Padova dove due cani Rottweiler hanno aggredito, sbranato e ucciso un uomo di 49 anni. Massimo Sartori, la vittima, si trovava in casa quando i due cani della compagna lo hanno aggredito, sbranandolo e lasciandolo esanime. Il ritrovamento choc, come spiega Corriere.it, è avvenuto solo in serata quando la donna è rincasata intorno alle 21.30 nella loro abitazione a Pozzonovo, nelle campagne della Bassa Padovana, trovandosi di fronte alla macabra scena. L’uomo, originario di Monselice, giaceva ormai privo di vita nel vialetto del giardino. Ben visibili numerose e profonde ferite alla testa e ad un braccio, completamente dilaniato dai morsi. Nonostante l’arrivo dei soccorsi, il personale del Suem 118 ha solo potuto constatare il decesso del 49enne mettendo al corrente della drammatica vicenda i Carabinieri del posto che hanno così avviato tutte le indagini del caso. Non vi sono dubbi sul fatto che a ridurre in quelle condizioni l’uomo siano stati proprio i due cani, una femmine e un maschio rispettivamente di 9 e 2 anni.

ROTTWEILER SBRANANO E UCCIDONO UOMO 49ENNE

Quasi sicuramente Massimo Sartori avrà urlato aiuto in seguito all’aggressione da parte dei due cani della compagna, entrambi di razza Rottweiler ma essendo l’abitazione molto isolata, è possibile che nessuno abbia sentito le sue grida di aiuto. La salma del 49enne si trova presso l’obitorio a Monselice e la procura di Rovigo ha già chiesto ulteriori accertamenti. Dopo l’aggressione mortale, sul posto sono giunti anche due vigili cinofili che sono riusciti a bloccare i cani e portarli a Selvazzano Dentro, in una struttura veterinaria dove si trovano attualmente. Sul luogo dell’aggressione si sono recati i carabinieri di Tribano per tutti gli accertamenti del caso. Lo scorso marzo, una giovane 17enne di Nettuno aveva subito una violenta aggressione immotivata da parte dei suoi due Rottweiler che l’avevano sbranata facendola finire in prognosi riservata. Per l’uomo della provincia di Padova, purtroppo, le cose sono andate in modo decisamente diverso: i due cani non gli avrebbero lasciato scampo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA