Batteri nel ghiaccio tritato per cocktails: ritirato/ Polo Nord Ice Cubes, richiamo del Ministero della Salute

Batteri nel ghiaccio tritato per cocktails: ritirato dal mercato. Polo Nord Ice Cubes, arriva il richiamo del Ministero della Salute

23.01.2019 - Silvana Palazzo
Dieta del ghiaccio (Pixabay)

Ritirato dal mercato ghiaccio tritato Polo Nord Ice Cubes. Questo il nome del marchio del prodotto che il Ministero della Salute ha richiamato con una nota ufficiale apparsa sul sito, con tanto di foto. Si tratta di un prodotto che viene usato appositamente per preparare cocktails. Le ragioni del ritiro sono specificati nella nota: si parla di «conta batterica fuori limiti». Nella descrizione del peso/volume dell’unità in vendita si parla di 2kg in sacchetti. Le avvertenze del Ministero della Salute sono chiare: «Si prega la gentile clientela di restituire il prodotto». Il lotto di riferimento è 8120 con scadenza all’11/2019. Ed è stato prodotto dalla Polo Nord Ice Cubes srl, che ha sede a Pastrengo (VR). Quindi, a scopo cautelativo e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, la raccomandazione per coloro che hanno acquistato il ghiaccio del lotto di appartenenza è di non consumarlo e di restituirlo al punto vendita dove è stato acquistato.

BATTERI NEL GHIACCIO TRITATO PER COCKTAILS: RITIRATO

In Europa non c’è nessuna normativa che regola la produzione di ghiaccio. Inoltre, l’Associazione Europea di categoria (European Packaged Ice Association) non si è mai fatta promotrice di alcuna iniziativa in tal senso. Per questo l’Istituto nazionale per il ghiaccio alimentare (Inga) ha predisposto un Manuale di corretta prassi igienica per la produzione di ghiaccio alimentare, un vademecum dedicato all’approfondimento degli aspetti igienici e di sicurezza alimentare legati alla produzione industriale di ghiaccio confezionato e a quella per autoconsumo di ghiaccio alimentare. «Il nostro obiettivo è quello di garantire qualità, sicurezza e tracciabilità sia per chi con il ghiaccio lavora, pensiamo ai baristi ad esempio, sia a chi ne fa uso, e dunque a tutti noi consumatori», ha dichiarato Carlo Stucchi, presidente di Inga, come riportato da Fanpage.



© RIPRODUZIONE RISERVATA