Trans, farmaco Testoviron carente/ Stop medicinale salvavita: “siamo invisibili”

- Carmine Massimo Balsamo

Trans, farmaco salvavita carente fino a settembre: Pd e Leu presentano due interrogazioni parlamentari alla ministra Grillo.

farmaco testoviron trans
Lipodistrofia, arriva il farmaco

L’Aifa lancia l’allarme: farmaco Testoviron carente fino a settembre, trans sul piede di guerra. Parliamo infatti del medicinale “salvavita” a base di testosterone utilizzato per il trattamento della disforia di genere: come riporta Il Fatto Quotidiano, è sparito dalle farmacie italiane da quasi sei mesi e l’Agenzia italiana del farmaco lo ha inserito nell’elenco dei medicinali carenti per «problemi produttivi». La data di fine emergenza è fissata al prossimo 30 settembre 2019, con la Bayer che dovrebbe far ripartire la produzione, ma preoccupa l’interruzione della somministrazione: può provocare infatti gravi conseguenze sulla salute dei trans. Dario, che ha denunciato la situazione a Il Fatto, ha angora i genitali femminili e basta mancare una puntura per alterare l’equilibrio tra testosterone ed estrogeni, il che può comportare anche seri traumi psicologici. Per chi invece ha già rimosso utero e ovaie le conseguenze sono ancora peggiori: in breve tempo si rischia di andare incontro a osteoporosi grave, carenze immunitarie, squilibri metabolici, calo della produzione di globuli rossi.

LA DENUNCIA DEI TRANS: “NOI INVISIBILI”

Christian Leonardo Cristalli, 30 anni, presidente del Gruppo trans Bologna, ha commentato: «Se non fossimo invisibili esisterebbe un farmaco studiato per noi, e non saremmo costretti a pagare quelli pensati per altri. Se non fossimo invisibili le istituzioni dovrebbero riconoscere che queste medicine per noi sono fondamentali, e non esiste che escano dalla produzione e nessuno si ponga il problema. Se non fossimo invisibili potremmo rivolgerci a qualsiasi struttura pubblica nelle nostre città, e non solo ai tre o quattro centri in tutta Italia che trattano la disforia di genere». Una vicenda che è arrivata a toccare anche il mondo politico, come riporta Il Fatto Quotidiano: Rossella Muroni (Leu), seguita da Monica Cirinnà (Pd) al Senato, e Daniele Viotti (Pd) all’Europarlamento hanno presentato due interrogazioni parlamentari al ministro della Salute Giulia Grillo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA