Sandra Milo/ “Mia figlia Azzurra era morta, una suora le ha ridato la vita”

- Anna Montesano

Sandra Milo racconta a Ti Sento l’emozionante episodio della nascita della figlia Azzurra, “morta e poi tornata alla vita”

sandra milo 2020 rai 1 640x300
Sandra Milo, foto da Rai

Sandra Milo è l’ospite della nuova puntata de I Soliti Ignoti ma, solo poche ore fa, è stata anche l’ospite di Pierluigi Diaco nel programma Ti Sento in diretta su Rai Radio2. È qui che la celebre attrice ha regalato al pubblico il racconto di un’altra toccante parentesi della sua vita che riguarda la nascita di sua figlia Azzurra. “Ero alla clinica Santo Volto a Roma e partorivo la mia terza figlia, Azzurra. – ha iniziato l’attrice, spiegando che – Purtroppo Azzurra è nata viva poi è morta subito dopo, e per quanti sforzi siano stati fatti dai medici presenti, tra l’altro c’era anche mio suocero, chirurgo, e mio marito, pediatra, non ci fu niente da fare: la bambina era morta. Perché a lei era negato il diritto alla vita?” Quando tutto sembrava perso, il miracolo è però arrivato sotto forma di una suora.

Sandra Milo e il miracolo di sua figlia Azzurra: “È tornata alla vita”

Il racconto di Sandra Milo ad un emozionato Pierluigi Diaco continua: “A un certo punto Suor Costantina entrò nella sala parto e disse: professore, per favore mi dà la bambina? Le risposero: Ma cosa vuole? Abbiamo fatto tutto il possibile, se ne vada!.. Allora lei carina, paziente: Per favore professore me la dia, mi lasci fare ancora un tentativo.” Il professore le lascia fare questo tentativo e ciò che accade lascia tutti senza parole: “Alla fine il medico prese questo fagottino e glielo tirò, lei lo prese, se lo strinse al petto e cominciò di nuovo a farle il massaggio al cuore e la respirazione bocca a bocca. Dopo 20 minuti che di massaggi e preghiere, la bambina ha un singulto e un ritorno alla vita. Allora lei, Suor Costantina, corse subito su nella sala parto dove ero rimasta senza lasciarmi toccare da nessuno. La bambina è viva, la bambina è viva!, mi disse”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA