Santa Caterina di Alessandria, 25 novembre/ Video, la patrona di Novi Ligure

- Matteo Fantozzi

Santa Caterina di Alessandria, il 25 novembre si celebra la patrona di alcune città tra cui Abbasanta, Brissogne, Deruta, Novi Ligure, Rivoli ed ancora tante altre.

santa caterina 2019 film 640x300
Santa Caterina

Santa Caterina di Alessandria si celebra il 25 novembre. La Beata è patrona di diverse città tra cui Abbasanta, Brissogne, Deruta, Novi Ligure, Rivoli ed ancora tanti altri. San Caterina inoltre è compatriota insieme a San Michele Arcangelo e San Marco Evangelista di tutto il territorio del Salento. La santa è considerata la protettrice degli studenti di tutti i livelli di istruzione. Viene rappresentata in genere con la corona sulla testa e gli abiti regali che sottolineano la sua origine reale. La palma invece rappresenta il simbolo del suo martirio e la duplice ruota che viene raffigurata spesso in mano, ai piedi od ai lati della figura.

Il 25 di Novembre la Santa viene onorata con le cerimonie religiose solenni e dopo si avviano i festeggiamenti con cibi tradizionali, balli e spettacoli. Gli altri antiche si festeggiano in questo giorno sono San Audenzio di Milano, Santa Gioconda, Santa Basilissa, Beata Malcolda Pallio, San Marcolo e San Maurino.

Santa Caterina di Alessandria, la vita

Santa Caterina di Alessandria secondo le testimonianze scritte fu una ragazza giovane, bella e nobile che visse ad Alessandria d’Egitto intorno al 305. In questo periodo storico è d’uso fare delle feste grandiose che comprendono il sacrificio di animali per onorare gli dei. L’imperatore Massimino ebbe notizie sulla grande fede di questa donna e la convocò al suo cospetto per avere maggiori informazioni. Appena udì dalla ragazza parole che testimoniavano una particolare fede in Dio le ordinò di rinunciare a quel culto ma di fronte al suo pronto e deciso rifiuto la condannò ad una morte certa. Ordinò alle guardie di legarla ad una ruota e di utilizzare degli uncini per strapparle le carni. Lo strumento di tortura si ruppe creando sgomento e timore nei carnefici che così interruppero la dura sentenza. Massimino non ritirò la sua posizione e fece portare Caterina fuori della città per recidere il suo capo. Al momento dell’esecuzione dalla ferita della santa cominciò a sgorgare latte in abbondanza e quella fu l’ennesima testimonianza della sua innocenza. Si narra che il suo corpo fu trasportato dagli angeli e portato direttamente sul Monte Sinai per essere seppellito in quel luogo. Secondo la leggenda dopo la sua morte dalla sua tomba cominciò a fuoriuscire del latte misto ad olio con alte capacità guaritrici e miracolose.

Video, la sua vita



© RIPRODUZIONE RISERVATA