Santoro: “Appoggerò Conte se si libera di Grillo”/ “È il momento della verità”

- Josephine Carinci

Michele Santoro appoggerà Giuseppe Conte qualora si liberasse di Grillo, di Draghi e del PD. Le parole del giornalista sul leader M5S

santoro rai3 2022 640x300
Santoro a Cartabianca

Michele Santoro si lascia andare ad una serie di riflessioni sulla politica interna italiana sulle pagine de il Foglio. “Non ho intenzione di sfruttare la mia popolarità per un blitz elettorale che non va da nessuna parte, ho una storia. E la tutelo. Però se Giuseppe Conte decidesse di fare politica, e non tattica, se lasciasse il governo di Mario Draghi per mettersi in gioco a sinistra e rischiare… allora sarei anche disposto a dare una mano”, afferma.

Cosa dovrebbe fare, Giuseppe Conte, per ottenere il sostegno di Santoro? “La prima cosa da fare sarebbe liberarsi dall’incubo della variante Grillo. Mettersela alle spalle. Chiudere con il grande comico inafferrabile, che a volte emerge dall’ombra per poi reimmergersi a seconda dei suoi sbalzi umorali. Questo periodo va chiuso. Altrimenti non si va avanti. La seconda cosa da fare sarebbe poi quella di uscire da questa coalizione di governo, perché è la condizione necessaria per poter svolgere un ruolo politico importante anche sulla questione della guerra. E intorno alla questione della guerra si può ricostruire un’offerta politica a sinistra. Ma Conte deve dimostrare che ci crede veramente. Non come ha fatto con la risoluzione sull’invio delle armi”. Dunque stop alla collaborazione con Grillo, ma anche con Draghi.

“A sinistra c’è spazio per Giuseppe Conte”

Per Michele Santoro, il presunto partito di Giuseppe Conte dovrebbe schierarsi più a sinistra del Pd, su argomenti come la guerra e non solo: “Ora per Conte è arrivato il momento della verità. O continua a confondere la politica con il posizionamento, o si mette a fare sul serio. Può costruire quella ‘cosa nuova’ di cui sempre si parla, ma che ancora nessuno ha mai visto. Però non può essere la solita manfrina per mettere in piedi l’ennesima stampella del cosiddetto “campo largo””, spiega.

Al termine dell’intervista sul Foglio, a Santoro viene chiesto se ci sia davvero spazio per un qualcosa “più a sinistra” dove possa inserirsi Giuseppe Conte. Il giornalista non ha dubbi: “Il Pd alle ultime elezioni ha preso il 19 per cento del 40 per cento, meno dell’8 per cento reale. Allora non dite che non c’è uno spazio, c’è una prateria”. Dunque l’ex Premier potrebbe trovare nuovi spazi nei quali inserirsi, ma dovrebbe prima lasciar andare il M5S con Grillo, la coalizione di Governo e cambiare quanto possibile posizionamento sulla guerra, almeno secondo Santoro.







© RIPRODUZIONE RISERVATA