Saqib Ayub, fidanzato Saman Abbas/ Genitori minacciati “Chiediamo visto per l’Italia”

- Emanuela Longo

Saqib Ayub, fidanzato Saman Abbas a Chi l’ha visto: “Nel mio cuore sento che è viva”. I suoi genitori in Pakistan potrebbero essere in serio pericolo

saqib fidanzato saman chi lha visto 640x300
Saqib Ayub, fidanzato Saman Abbas (Chi l'ha visto)

Saqib Ayub, il fidanzato di Saman Abbas, è tornato nello studio di Chi l’ha visto per commentare le ultime novità sul caso della giovane pachistana. Nella giornata di ieri c’è stata una importante udienza in Francia nel corso della quale lo zio Danish, arrestato nei giorni scorsi, si è opposto all’estradizione in Italia. L’udienza è stata rinviata alla fine di ottobre ed i tempi sono destinati ad allungarsi ulteriormente, come spiegato dall’avvocato di Saqib, anche lui presente nello studio del programma di Rai3. A Parigi dovrebbe esserci anche il cugino latitante ed all’appello mancano ancora i genitori di Saman.

Incalzato dalla padrona di casa Federica Sciarelli, Saqib ha commentato la posizione del fratello di Saman asserendo: “Adesso lui non dice la verità”. La fidanzata come parlava invece del fratello? “Lei aveva paura della famiglia, anche dello zio Danish”. La sua speranza è che possa essere stata rapita, sequestrata e non uccisa: “Sì, il mio cuore dice che Saman è ancora viva”, ha aggiunto.

Saqib Ayub, fidanzato Saman Abbas: suoi genitori in pericolo?

Adesso ad essere in pericolo sono anche i genitori di Saqib Ayub, il fidanzato di Saman Abbas. Per questo il suo avvocato ha spiegato alla trasmissione di Raitre di essersi rivolto anche al ministro Di Maio: “Questo quadro inizia a configurarsi sempre al meglio. Per fortuna c’è stato il primo arresto, poi il secondo, speriamo arrivi il terzo”, ha commentato a Chi l’ha visto, complimentandosi con il lavoro della procura e degli inquirenti.

“Ricordiamo però che in Pakistan ci sono i genitori di Saman e man mano che si sgretola la famiglia riteniamo che anche la famiglia di Saqib stia correndo un pericolo”, ha proseguito l’avvocato del giovane ricordando le minacce ricevute. “Noi chiediamo al Ministro Di Maio, alla Farnesina ed all’ambasciatore italiano in Pakistan che i genitori possano entrare in Italia con un visto temporaneo dal momento che la situazione è pericolosa”, ha quindi spiegato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA