SCENARI/ Così Orbán vende l’Ungheria alla Cina (ma la gente non ci sta)

- Giuseppe Gagliano

L’infiltrazione cinese nei paesi occidentali viene attuata tramite strumenti propagandistici e investimenti. Così l’Ungheria spalanca le porte dell’Europa a Pechino

ungheria pieni poteri orban renzi
Viktor Orbán, primo ministro dell'Ungheria (LaPresse)

Come sappiamo, il primo strumento di propaganda utilizzato dalla Cina è quello della rete degli Istituti Confucio. Il secondo asse prevede l’utilizzo dei media tradizionali (apertura dei media nazionali cinesi nella lingua del Paese ospitante, redazione di editoriali, partnership con organi di stampa, ecc.) e dei social network, compresi quelli esclusi dal mercato cinese. Questa presenza sui social media è cresciuta notevolmente negli ultimi anni, con i diplomatici cinesi particolarmente attivi. Infine, il terzo asse è rappresentato da due iniziative al servizio degli interessi cinesi: il progetto Nuove Vie della Seta, di cui fanno parte 15 paesi dell’Unione Europea, e il gruppo “16 + 1”, che riunisce paesi dell’Europa centrale e orientale e la Cina.

Numerosi analisti sottolineano un deterioramento dell’immagine della Cina in numerosi paesi europei e africani. La percezione della Cina all’interno dei paesi europei si è deteriorata in particolare in seguito allo scoppio della pandemia di Covid-19, al punto che il Centro di ricerca sulla sicurezza dello Stato cinese ha allertato Xi Jinping nell’aprile 2020 in un rapporto rivelato da ReutersLa diplomazia cinese delle mascherine e la diplomazia dei vaccini che ne seguì furono un fallimento in Europa, in gran parte a causa del desiderio travolgente del potere cinese di promuovere il suo modello in questa occasione.

Infine, la politica interna cinese, con la repressione del movimento pro-democrazia a Hong Kong e delle minoranze uigure nello Xinjiang, è stata un fattore importante nel degrado dell’immagine della Cina, rafforzata dalla cosiddetta diplomazia dei “combattenti dei lupi”. Infatti gli attacchi a ricercatori e parlamentari hanno scioccato l’opinione pubblica. Tuttavia, un Paese si è distinto per la posizione opposta rispetto alle posizioni dell’Unione Europea: l’Ungheria di Victor Orbán.

ll governo ungherese sta bloccando con zelo le posizioni dell’Unione Europea sfavorevoli alla Cina, una tendenza che è cresciuta negli ultimi due anni. Ha inoltre preso parte attivamente alla diplomazia vaccinale cinese, ordinando senza attendere il parere dell’Autorità europea per i medicinali (Ema) da metà febbraio 550mila dosi del vaccino Sinopharm, ad un prezzo particolarmente elevato (circa 30 euro a dose, contro ad esempio i circa 15,50 euro a dose al momento per il vaccino sviluppato da Pfizer). L’Ungheria sta inoltre partecipando attivamente alla strategia cinese per le Nuove Vie della Seta costruendo una linea ferroviaria ad alta velocità da Budapest a Belgrado. Se i legami economici con Belgrado possono sollevare dubbi sull’interesse dell’Ungheria in un progetto del genere, esso è invece importantissimo per la Cina, che intende farne la porta occidentale verso l’Unione Europea delle sue nuove rotte. Questo progetto ricorda quindi l’autostrada per collegare il principale porto del Montenegro sull’Adriatico a Belgrado, finanziata da un prestito cinese che il Paese non è ora in grado di rimborsare.

Ma l’operazione più importante del soft power cinese in un paese dell’Unione Europea oggi è probabilmente la costruzione di un campus della prestigiosa Università Fudan di Shanghai a Budapest. Il primo campus di un’università cinese in Europa dovrebbe aprire nel 2024 e ospitare 6mila studenti e 500 insegnanti. Con un costo stimato di 1,5 miliardi di euro, il progetto sarà finanziato per 1,3 miliardi di euro da un prestito cinese. Inoltre, come per la maggior parte dei progetti relativi alle Nuove Vie della Seta, i lavori saranno realizzati da aziende e manodopera cinesi e quindi non daranno un beneficio rilevante all’economia locale. Tale cifra va vista contro il taglio annunciato nel bilancio delle università ungheresi, a seguito del rigetto da parte dell’Unione Europea delle proposte del governo ungherese di recuperare fondi aggiuntivi legati alla pandemia. Questa università mira non solo ad applicare gli stessi metodi operativi a Budapest come a Shanghai, ma anche ad irrigare tutti gli altri istituti di istruzione superiore ungheresi per diffondere il suo modello.

Pertanto, il programma sarà lo stesso della Cina, impostato a Shanghai da funzionari universitari cinesi, e le università ungheresi saranno incoraggiate a lavorare fianco a fianco con esso. Tuttavia, l’analisi effettuata dal sito di indagine ungherese Direkt su un database che elenca i membri del Partito comunista cinese ha rivelato che il 25% degli insegnanti e degli studenti dell’Università di Fudan erano membri del partito, il che lascia pochi dubbi sul rispetto delle regole accademiche libertà al suo interno. Tanto più che nel 2019 i passaggi dello statuto dell’università che facevano riferimento alla “libertà di pensiero” erano stati sostituiti dalla seguente nozione: “armare le menti di insegnanti e studenti con il pensiero di Xi Jinping sul socialismo cinese della nuova era”.

Tuttavia, l’installazione di questo campus non è stata senza incontrare resistenze: il sindaco di Budapest ha così ribattezzato 4 strade che circondano il sito del futuro campus con i nomi di “viale dei martiri uiguri”, “viale del Dalai Lama”, “avenue de Hongkong libre”,”avenue de Xie Shiguang”, mentre diverse migliaia di persone hanno espresso la loro opposizione a questo progetto nelle strade di Budapest alla fine di giugno.

Il 1 giugno, durante una sessione di lavoro dell’ufficio politico del Partito comunista cinese, Xi Jinping ha chiesto di migliorare le capacità di comunicazione internazionale della Cina per presentare una “visione vera, multidimensionale e panoramica dalla Cina”. Questo discorso riflette una tendenza recente nella comunicazione ufficiale cinese: piuttosto che cercare di suscitare simpatia, il discorso aggressivo dei suoi rappresentanti mira a bloccare i discorsi negativi sulla Cina. 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

 





© RIPRODUZIONE RISERVATA