SCENARI/ Le strategie dei servizi pakistani: usare i terroristi con l’ok degli Usa

- Giuseppe Gagliano

L’Isi, il servizio segreto pakistano, ha un grande potere e un ampio spettro di azione. Non solo tra India e Afghanistan

afghanistan kabul 1 lapresse1280 640x300
A Kabul, in Afghanistan (LaPresse)

La storia dell’interferenza dell’Isi (Inter Services Intelligence) negli ambienti politici pakistani risale al colpo di Stato militare guidato dal generale Ayub Khan nel 1958. Il regime militare di quest’ultimo ha affidato ai servizi di intelligence la missione di garantire la stabilità del regime, reprimendo i movimenti di protesta e controllando l’opposizione politica. Per fare ciò, implementa una serie di tecniche volte a intimidire qualsiasi personalità contraria al governo: rapimenti, torture, processi truccati, campagne di disinformazione, omicidi, ecc.

Nonostante la morte di Ayub Khan nel 1969 e il graduale ritorno a una forma di democrazia a partire dal 1970, l’Isi conserva questa prerogativa di garantire la stabilità sociale e politica del Paese, e non esita ad andare oltre il semplice controllo del Paese per influenzare il gioco politico del Pakistan.

L’Isi mette quindi in atto azioni volte a promuovere le formazioni di movimenti politici con i quali sono allineati i suoi interessi, sostenendoli finanziariamente e materialmente. In particolare, il servizio ha più volte sostenuto iniziative politiche di ispirazione religiosa. Per contro, i responsabili del servizio hanno anche utilizzato le risorse a loro disposizione per danneggiare personalità e partiti i cui orientamenti sono ritenuti incompatibili con le loro idee. Così, il generale Assad Durrani, ex direttore dell’Isi, ha ammesso nel 2008 che il servizio ha finanziato gli oppositori del programma liberale e laico di Benazir Bhutto durante le elezioni legislative del 1993.

Al di là dell’obiettivo di indirizzare il potere politico del Paese verso posizioni favorevoli agli interessi del servizio, queste manipolazioni sono volte a garantire la stabilità del regime politico pachistano, condizione necessaria per il mantenimento del potere a disposizione dell’Isi. I suoi leader cercano in particolare di difendere la posizione dominante che occupa nell’amministrazione pachistana e la sua importantissima libertà d’azione. Così, nel 2008, la decisione del primo ministro Yousaf Raza Gilani di porre l’Isi sotto la supervisione del ministero dell’Interno per controllarne meglio le attività è stata oggetto di una fortissima opposizione da parte dei suoi membri ed è stata annullata in 48 ore.

Il servizio gode quindi di un potere sproporzionato sulle amministrazioni e sui rappresentanti politici eletti, che gli consente di influenzare o limitare le azioni che questi ultimi possono compiere nei suoi confronti. Nonostante questa influenza sui leader pakistani, il servizio non è totalmente intoccabile dal governo, come dimostra ad esempio il licenziamento del generale Zaheer-ul Islam nel 2014 da parte del primo ministro.

L’implementazione delle reti islamiste da parte dell’Isi gli conferisce capacità per l’azione e l’influenza su scala globale.

La vicinanza che l’Isi mantiene con le reti islamiste nel mondo, siano esse politiche o terroristiche, gli conferisce notevoli capacità di azione e influenza indiretta. Questa strategia di alleanza e sostegno a queste reti è uno dei pilastri dell’azione internazionale del servizio. L’invasione sovietica dell’Afghanistan nel 1979 e la formazione di movimenti di combattenti volontari nel mondo musulmano per combattere hanno rappresentato un’importante opportunità per il Pakistan. La sua posizione geografica l’ha imposto come punto di accesso per i volontari e il supporto materiale e finanziario internazionale all’Afghanistan, e ha consentito all’Isi di posizionarsi come intermediario e coordinatore locale di queste iniziative.

Così, il servizio è stato in grado di stringere forti legami con le varie fazioni che combattono contro il potere comunista di Kabul e identificare le personalità di interesse che combattevano nelle loro fila, come Osama Bin Laden. Dopo la fine del conflitto nel 1989, l’Isi ha scelto di sostenere il movimento talebano fino all’ascesa al potere, come testimonia il riconoscimento ufficiale dato al governo del Mullah Omar dal Pakistan, uno dei pochi Paesi ad aver compiuto questo passo con Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

Nonostante il sostegno del Pakistan agli Stati Uniti e l’alleanza internazionale contraria ai talebani e ad Al Qaeda dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, l’Isi ha mantenuto i suoi forti legami con questi due gruppi e ha permesso loro di utilizzare le regioni di confine del Paese come retroguardia di base. Mentre le forze armate pakistane hanno collaborato con le forze statunitensi per rintracciare i responsabili del movimento terroristico, funzionari di alto livello hanno beneficiato della complicità dei servizi di intelligence, in particolare Osama Bin Laden, il leader del movimento talebano Mohammad Omar e il suo successore Akhtar Mohammad Mansour, che hanno potuto stabilirsi in Pakistan senza essere disturbati dalle forze di sicurezza nazionale.

Il sostegno al movimento talebano da parte dell’ISI è attuato nell’ambito di una strategia per istituire un emirato in questo Paese vicino. Essendo situato tra l’Afghanistan e l’India e avendo una profondità strategica limitata, il Pakistan non può permettersi di essere intrappolato tra due Paesi nemici. In questo contesto, il sostegno dell’Isi al governo afghano filo-occidentale in carica dal 2001 si oppone al sostegno di New Delhi a quest’ultimo e mira a ripristinare un potere fondato sull’islam e ritenuto compatibile con gli interessi del Pakistan.

Nel contesto di questa opposizione, entrambe le parti hanno aiutato massicciamente i rispettivi “campioni” locali. L’India ha in particolare fornito sostegno finanziario e umanitario al governo di Kabul e ha investito 2 miliardi di dollari in progetti infrastrutturali come il nuovo parlamento, finanziato per un importo di 90 milioni di dollari, o la diga di Salma, finanziata per un importo di 270 milioni di dollari. Inoltre, pur non essendo il principale fornitore delle forze armate afghane, il governo indiano ha lavorato per rafforzare le loro capacità, ad esempio la consegna di elicotteri da combattimento nel 2015.

Al contrario, l’Isi ha lavorato per rafforzare le sue relazioni con i talebani. Ufficiali del servizio hanno quindi partecipato al consiglio superiore del movimento, il Quetta Shura, come osservatori e in questa veste hanno contribuito alle decisioni strategiche prese dai leader. Il sostegno del servizio al gruppo islamista si è concretizzato anche sotto forma di rifugi sicuri in Pakistan per i combattenti talebani, che hanno ricevuto addestramento dai membri del servizio presso centri di addestramento vicino al confine con l’Afghanistan, nonché consegne di armi.

Allo stesso modo, l’Isi finanziò in larga misura le operazioni del movimento, con alcuni funzionari talebani che menzionarono un importo mensile pagato di 120 dollari per combattente. Al di là del rafforzamento del movimento talebano fino alla sua vittoria nell’agosto 2021, la fortissima integrazione tra talebani e Isi ha permesso al servizio di dirigere le azioni del gruppo contro le forze della coalizione e i sostenitori del governo, ma anche nel prendere di mira gli interessi indiani nel Paese. L’attacco contro l’ambasciata indiana a Kabul il 7 luglio 2008 è stato così ordinato dall’Isi.

Il sostegno del Pakistan al movimento talebano è stato un fattore decisivo nella sua vittoria sul governo filo-occidentale. I massicci aiuti forniti dall’Isi hanno consentito a Islamabad di garantire la presenza di un governo amico al potere in quel Paese vicino, privando l’India della possibilità di minacciare il Pakistan da ovest e assicurando così un intero fianco del Paese.

Le azioni dell’Isi in Afghanistan trovano eco nella sua strumentalizzazione dei movimenti terroristici attivi sul territorio indiano. La ribellione attiva nelle regioni di confine del Jammu e Kashmir, amministrate dall’India ma rivendicate dal Pakistan, consente al servizio di sponsorizzare gruppi terroristici e indipendentisti che vi operano prendendo di mira gli interessi indiani. Mantiene collegamenti con una nebulosa di movimenti di cui sostiene finanziariamente e materialmente le operazioni.

Le due organizzazioni più importanti legate all’Isi sono Jaish-e-Mohammed, responsabile dell’attacco del 2016 alla base aerea indiana di Pathankot e dell’attentato suicida del 2019 a un convoglio delle forze di polizia indiane a Pulwama; e Lashkar-e-Taiba, responsabile dei 12 attacchi coordinati che hanno colpito Mumbai il 26 novembre 2008.

Le modalità operative del servizio sono le stesse utilizzate a sostegno dei talebani: questi gruppi beneficiano di un sostegno finanziario e materiale nell’organizzazione delle loro operazioni e i loro membri possono rifugiarsi in Pakistan dove sono ospitati nei centri di formazione.

La strumentalizzazione dei gruppi terroristi islamici è uno dei principali strumenti dell’Isi per destabilizzare l’India. In effetti, il finanziamento delle operazioni da parte di queste organizzazioni è una soluzione a basso costo, che richiede somme limitate, dell’ordine di qualche milione di dollari, utilizzate per addestrare, equipaggiare e pagare i combattenti. D’altra parte, gli attacchi possono avere un impatto strategico, in particolare attraverso la loro azione sull’opinione pubblica indiana. Il rapporto tra i mezzi investiti e i risultati ottenuti fa del ricorso alle organizzazioni terroristiche uno strumento “a basso costo” per l’Isi. L’uso di questi gruppi come forze dell’ordine e la natura segreta delle operazioni del servizio consentono al governo di Islamabad di negare il coinvolgimento del Pakistan in attacchi contro gli interessi indiani.

La molteplicità di popolazioni e culture in India, unita alle richieste di indipendenza in alcune regioni e alle tensioni tra le comunità indù e musulmane, rendono il Paese terreno fertile per la comparsa di gruppi terroristici armati. L’allineamento degli interessi dell’Isi e di queste organizzazioni permette ai primi di costruire partnership durature con quest’ultimo, come testimonia il continuo supporto fornito a Lashkar-e-Taiba e Jaish-e-Mohammed sin dalla loro fondazione rispettivamente nel 1986 e nel 2000. Il servizio beneficia quindi di intermediari in grado di attuare operazioni cinetiche senza la necessità di coinvolgere i suoi membri nel territorio indiano.

La posizione geografica del Pakistan ha permesso all’Isi di affermarsi come un attore chiave nei vari conflitti che hanno scosso l’Afghanistan dal 1979. In quanto tale, l’Isi rappresenta un partner inevitabile per i servizi di intelligence occidentali che desiderano operare nella regione, in particolare la Cia. Questi legami risalgono all’invasione sovietica del 1979 e al sostegno occidentale alla guerriglia afgana. Come servizio di intelligence locale, l’Isi si è affermato come coordinatore del supporto internazionale e intermediario tra i servizi esteri e le organizzazioni combattenti. Pertanto, sono stati avviati scambi di informazioni e una stretta collaborazione tra i servizi.

Questa collaborazione tra l’Isi e la Cia (e più in generale altri servizi occidentali) è stata rinnovata nel contesto dell’invasione americana del 2001 e della caccia ai leader di Al Qaeda. Il Pakistan ha ufficialmente sostenuto la lotta ai movimenti terroristici e ha riconquistato il ruolo centrale di servizio di intelligence locale, avendo una profonda conoscenza dell’ambiente sociale ed etnico in cui si sono evolute le forze della coalizione. L’Isi ha collaborato con i suoi partner nella ricerca di membri di Al Qaeda e in quanto tale ha fornito informazioni che consentono di individuare i membri dell’organizzazione.Tuttavia, l’eliminazione dei gruppi terroristici presenti in Afghanistan e nel suo territorio non è mai stato un obiettivo del servizio, data la loro utilità come strumenti di azione indiretta. L’Isi ha così protetto diversi alti funzionari talebani e di Al Qaeda consentendo loro di risiedere sul territorio nazionale, come il Mullah Omar, morto in Pakistan nel 2013, o Osama bin Laden, eliminato dalle forze armate americane nel 2011 ad Abbottabad. Inoltre, come spiegato in precedenza, il servizio ha impegnato risorse significative nella sua campagna per finanziare e armare il movimento talebano, sostenendo allo stesso tempo ufficialmente le operazioni della coalizione contro questa organizzazione.

Sebbene i servizi occidentali fossero informati delle intenzioni dell’Isi, il ruolo essenziale svolto da questo servizio nelle operazioni in Afghanistan, e più in generale dalla cooperazione delle autorità pachistane con le forze della coalizione, ha rappresentato un’importante leva di influenza per il servizio. L’Isi ha così potuto tutelare le proprie attività e alcune personalità ritenute interessanti senza timore di azioni dannose da parte della Cia. L’unica contromisura messa in atto dai servizi occidentali è stata quella di escludere il Pakistan dalla pianificazione di alcune operazioni, come l’operazione Neptune Spear contro Osama Bin Laden, provocando contemporaneamente un incidente diplomatico con Islamabad quando è stato scoperto il fatto compiuto.

Pertanto, il ruolo essenziale del Pakistan nelle operazioni in Afghanistan ha consentito all’Isi di proteggere i suoi strumenti terroristici e quindi di mantenere la capacità di agire contro il governo insediato a Kabul nel 2001 e gli interessi indiani nel Paese.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori