La bufala virale su Marte / È davvero grande come la Luna? Tutto nasce da una catena di Sant’Antonio

- Matteo Fantozzi

La bufala virale su Marte, è davvero grande come la Luna? Tutto nasce da una catena di Sant’Antonio. Il web letteralmente invaso da una leggenda a cui moltissimi hanno creduto.

luna_rossa_pixabay
La bufala virale su Marte

Marte è davvero grande come la Luna? Una banale catena di Sant’Antonio è diventata virale con moltissimi che hanno iniziato a crederci. Tutto risale al lontano 2002 quando una mail è stata diffusa in merito alla prossima opposizione, proprio di Marte nei confronti della Luna, del 2003. La situazione era stata un po’ gonfiata, sottolineando come sarebbero addirittura passati 60mila anni prima che Marte fosse tornato così vicino per farci assistere a uno spettacolo del genere. L’opposizione di ieri sera, che ha portato alla più lunga eclissi lunare del secolo, ha confermato come si era esagerato perché nonostante Marte non fosse così vicina come nel 2003 si è avvicinata davvero molto. La mail dunque tendeva ad esagerare un po’ anche se alla fine aveva delle basi reali come la spiegazione di un ingrandimento di Marte che l’avrebbe fatto apparire grande quasi come la Luna a occhio nudo.

L’ERRATA INTERPRETAZIONE

L’errore di base è stata l’interpretazione della famosa catena di Sant’Antonio che sottolineava come Marte sarebbe stata grande come la Luna a occhio nudo e non che in realtà sia grande come la stessa. Gli astronomi di tutto il mondo però erano a conoscenza di questa bufala e hanno così deciso, già diversi giorni prima dell’eclisse lunare, di ricordare la fake news per evitare che qualcuno tornasse a crederci ancora. Sicuramente ci troviamo di fronte a un contesto dove una bufala potrebbe anche essere pericolosa e in grado di creare ansia a chi si sofferma a leggerla. Per questo rimane molto importante informarsi tramite fonti sicure e non farsi tradire da chi invece decide di mandare in giro notizie fantasiose come appunto quella che spiega come Marte sia grande come la Luna.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori