“Scuole chiuse? Più danni che benefici”/ FT “Non sacrifichiamo futuro dei bambini”

- Alessandro Nidi

È corretto tenere ancora chiuse le scuole? Se lo domanda il “Financial Times”, che sottolinea come il ritorno in aula dei più piccoli non rappresenti un rischio

Manifestazione scuola lapresse 2020 640x300
(LaPresse)

La prolungata chiusura delle scuole fino al mese di settembre ha provocato reazioni discordanti non soltanto in Italia, ma anche sull’altra sponda della Manica; infatti, come riporta il “Financial Times”, i genitori britannici hanno ricevuto la notizia che la maggior parte dei bambini non potrà rientrare in classe sino all’autunno, mentre in tutta la nazione gli zoo sono pronti a riaprire i propri battenti al pubblico. Eppure, i più piccoli non sono così esposti al rischio di contrarre il Coronavirus: secondo alcune statistiche riferite all’interno dell’articolo, solamente due bambini d’età compresa fra i cinque e i quattordici anni sono stati registrati fra i decessi per Covid-19 nel periodo che va dal 28 marzo al 29 maggio. Inoltre, l’evidenza suggerisce che i docenti non si troverebbero in grave pericolo, qualora rientrassero a scuola: i dati provenienti dall’Inghilterra e dal Galles hanno rilevato che gli operai edili, gli addetti alle pulizie, gli operatori sanitari, gli assistenti infermieristici, i tassisti, i cuochi e gli assistenti alla vendita al dettaglio sono tra i lavoratori a più alto rischio. Gli insegnanti no.

SCUOLE CHIUSE: QUANTI DANNI!

Davvero la chiusura delle scuole fino a settembre può contenere la diffusione del Covid-19? Alla fine di maggio, i ricercatori del Center for Global Development hanno esaminato 20 Paesi che avevano riaperto le scuole. In tre di essi, c’erano alcune prove – anche se deboli – che l’epidemia fosse peggiorata dopo la riapertura. Nella maggior parte di essi, invece, no. Questo non prova che le scuole non rappresentino un rischio, ma nel frattempo non è sbagliato tenere chiuse le aule? Secondo il “Financial Times”, sì. Si danneggia, in primis, la carriera di molti genitori e soprattutto delle madri. È difficile vedere una ripresa economica quando il lavoro di così tante persone dipende dal fatto che i loro figli siano sorvegliati in modo sicuro a scuola. Anche gli studenti risentono di uno stop così lungo e nel mondo accademico si discute attivamente se le lunghe pause estive possano rappresentare un ostacolo all’apprendimento di tutti gli studenti o soltanto a quello di coloro che sono già svantaggiati. “L’inversione dell’isolamento – si legge sul FT – è un momento pericoloso. Se il virus ritorna, rischiamo di combinare i costi sanitari dell’apertura con i costi sociali dell’isolamento. Ma non possiamo sacrificare l’educazione dei nostri figli a tempo indeterminato. Il problema della riapertura delle scuole è diventato centrale nella risposta alla pandemia. Richiede saggezza, diplomazia e grande attenzione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA