Scuole davvero aperte?/ Oggi via nelle ultime città: ma alcune resteranno chiuse…

- Silvana Palazzo

Scuole sono davvero aperte? Oggi l’anno scolastico parte nelle ultime città: ma alcune resteranno chiuse, ecco perché e dove

riapertura scuole
Immagine di repertorio (LaPresse)

Oggi comincia l’anno scolastico nelle città in cui le scuole erano rimaste chiuse. Il mondo della scuola ha avuto a che fare con diverse difficoltà e tanti problemi organizzativi, motivo per il quale gli istituti hanno riaperto in ordine sparso. Ritonano a scuola, ad esempio, gli studenti di La Spezia, dove è decaduta la sospensione delle attività in presenze nelle scuole di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, come deciso dall’ordinanza del 12 settembre e confermata il 23 fino alla mezzanotte di domenica 27 settembre. La campanella suona anche nelle ultime scuole napoletane rimaste chiuse in quanto sedi di seggi elettorali. Quindi torneranno in classe gli alunni di Torre Annunziata, che riapre tutte le scuole. Invece devono aspettare fino al 1° ottobre gli studenti di Torre del Greco. Invece a Salerno l’avvio dell’anno scolastico è stato posticipato dal sindaco a causa del maltempo, quindi le porte delle scuole riapriranno domani 29 settembre. Oggi chiuse per maltempo anche a Monteforte Irpino (Avellino).

SCUOLE APERTE? OGGI VIA ANNO SCOLASTICO IN ALTRE CITTÀ

La scuola riparte oggi, lunedì 28 settembre, nei comuni di Reggio Calabria, Andria, Trani, Adelfia e Bitonto. Domani toccherà agli istituti pubblici di Olbia. Qui si stanno completando i test sierologici sul personale scolastico. Tra l’altro da oggi le scuole hanno un compito delicato: devono fornire gli aggiornamenti sui contagi. Con la nota n. 1583 del 25 settembre 2020, firmata dal capo dipartimento Giovanni Boda, il ministero dell’Istruzione ha comunicato l’attivazione di un nuovo applicativo SIDI per la rilevazione della situazione epidemiologica nelle scuole. Questo vuol dire che a partire da oggi sarà disponibile sul portale sopraccitato una nuova funzione per rilevare ogni settimana i dati relativi ad eventuali contagi e quindi alle conseguenti misure preventive e organizzative adottate da ogni istituzione scolastica. Ad esempio, oggi ogni scuola dovrà accedere all’applicativo e inserire i dati relativi alla settimana precedente e provvedere ad eventuali rettifiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA