Selvaggia Lucarelli contro Giulia Salemi?/ “Raccolte fondi, la moda del momento..”

- Hedda Hopper

Selvaggia Lucarelli contro Giulia Salemi? Con una storia su Instagram commenta la questione delle raccolte fondi sui social e rilancia: “La moda del momento..”

Selvaggia Lucarelli
Selvaggia Lucarelli a Ballando con le stelle

Selvaggia Lucarelli torna a far discutere e tutto perché ha preso di mira chi si sta occupando di “raccolte fondi organizzate di fretta e senza alcuna garanzia”. Sono molti quelli che in queste ore si stanno mobilitando sui social per aiutare la famiglia della bella Luana D’Orazio, la 22enne morta a Oste, frazione di Montemurlo, nell’incidente sul lavoro in una azienda tessile. La sottoscrizione si occuperà della raccolta fondi per la famiglia di Luana e per il figlio, Alessio, cinque anni, rimasto orfano della mamma. Alla richiesta si sono accodati molti influencer e tra questi sembra ci sia anche Giulia Salemi finita adesso nel mirino di Selvaggia Lucarelli. In realtà la giornalista non fa il nome della bella gieffina e figlia di Fariba Tehrani ma il tempismo della sua storia su Instagram lascia pensare solo questo.

Selvaggia Lucarelli contro Giulia Salemi per la questione della raccolta fondi?

In un primo momento Selvaggia Lucarelli rilancia: “Una delle tendenze dell’ultimo anno: raccolte fondi per chiunque.. organizzate di fretta e senza alcun controllo nè garanzie di trasparenza… destinate solo a vittime selezionate in base agli umori del momento e al brusio della stampa. Male, molto male”. Già qui si è aperta una vera e propria polemica visto che sono in molti a pensarla proprio come lei ma poi dopo la giornalista torna con l’affondo finale pregando tutti a “non donare con superficialità” girando poi il dito nella piaga e lasciando intendere che nel suo mirino ci sia proprio Giulia Salemi: “Raccolte fondi organizzate dai cugini, amici, cugini di amici, nonni, cognati. Con promesse vagh.. associazioni mai precisate”. La giornalista poi conclude confermando e invitando tutti a controllare bene questo tipo di cose perché poi tutti se ne dimenticano e non si capisce bene dove questi soldi vadano a finire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA