Silvia, figlia Franco Califano/ Una vita non semplice: l’abbandono e…

- Morgan K. Barraco

Silvia, figlia Franco Califano: la ragazza ha avuto una vita difficile, dall’abbandono ad altre situazioni con la voglia di avere un papà normale

Califano 2019 youtube 640x300
Franco Califano, foto Youtube

La vita di Silvia Califano non è stata semplice: nata quando il padre Franco Califano era ancora un ragazzo, è stata abbandonata cinque mesi più tardi. “Sono nata un anno dopo il matrimonio di mamma e papà“, ha detto in passato a Vanity Fair, “lo rividi quando avevo 11 anni, a casa sua”. Tra Franco e Silvia infatti c’erano 21 anni di differenza. “Me lo ricordo bene, con i pantaloni in pelle“, ha aggiunto, “ero molto imbarazzata. Mi mise una mano sulla spalla e io mi scostai”. Un’occasione particolare quella del loro incontro: Franco aveva raggiunto la casa della moglie Rita Di Tommaso per firmare i documenti del divorzio. “Mia madre me ne ha sempre parlato”, ha detto ancora Silvia, “mi faceva vedere i suoi fotoromanzi, ogni tanto mi diceva ‘E’ uscita una sua nuova canzone’“. Da quel primo incontro però padre e figlia non si sono più visti per altri anni. Fino a che è stata proprio Silvia, ormai ventenne, a scegliere di incontrare il cantante a tutti i costi. L’ex ballerina ha sempre pensato che Franco non fosse adatto a fare il padre e forse nemmeno il nonno. La figlia di Silvia, Francesca, aveva solo 14 anni quando Califano è morto. Non l’aveva mai conosciuta. “Ho perso un po’ di lui”, ha detto la figlia a La Repubblica in occasione dei funerali, “papà era quello che era, era un artista, un grande poeta, ma non era proprio capace di fare il padre”.

Silvia, figlia Franco Califano: il desiderio di un papà normale

Da bambina, Silvia Califano desiderava solo di avere un papà normale e non quel Franco Califano osannato da tutta l’Italia per le sue canzoni poetiche. “Non sono stata la principessa di papà e non ho conosciuto l’amore di coppia”, ha detto tempo fa a Vanity Fair, “inoltre ho cominciato a sentirmi sempre più sola”. Quella lettera che avrebbe voluto scrivere al padre invece è rimasta sempre incompiuta. “Forse gli avrei chiesto perchè mi avesse messo al mondo e buttata là”, ha dichiarato, “non l’ho scritta perchè temevo la risposta, ammesso che arrivasse“. Negli anni Silvia si è fatta tante domande in merito e poi ha concluso che forse Califano ha scelto di non crescerla perchè al momento della sua nascita si trovava all’apice della carriera. “Forse una figlia non sapeva come gestirla“, ha ipotizzato. Oggi, giovedì 23 aprile 2020, Rai 3 trasmetterà nella sua seconda serata Grazie dei fiori ribelli con un omaggio a Franco Califano. Di Silvia invece non si sa nulla ormai da tempo e le ultime notizie risalgono proprio ai funerali dell’artista, celebrati sette anni fa. Una polemica scatenata dalla decisione della figlia del Califfo di non pagare le esequie, pompose. Un conto da 14 mila euro. “Ci aveva chiesto due cose”, ha detto l’avvocato Marco Mastracci a La Notizia, “essere seppellito nel cimitero di Ardea con il fratello e il nipote, e di poter stare con loro in tomba comune. Ma la figlia ha detto di non poterla comprare, quindi lo farò io, insieme agli amici di Franco”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA