SPERANZA: “SCUOLA? PRONTI A DECIDERE SU OBBLIGO VACCINALE”/ “Politica non si divida”

- Dario D'Angelo

Il ministro della Salute Roberto Speranza, ospite a Controcorrente su Rete 4, ammette: nel governo è allo studio la possibilità di varare l’obbligo vaccinale per il personale della scuola.

cabina di regia
Roberto Speranza, Ministro della Salute (LaPresse, 2021)

Roberto Speranza, ospite a Controcorrente su Rete 4, illustra la linea del governo su vaccini e scuola: “Obbligo del vaccino per il personale nelle scuole? Sono valutazioni che stiamo facendo in queste ore. La riapertura della scuola senza Dad, se possibile, è una priorità per il governo. Valuteremo in queste ore quali saranno le strade migliori. Dobbiamo lavorare perché con la buona campagna di vaccinazione, oggi abbiamo superato 65 milioni di dosi somministrate, vogliamo tutelare la scuola. Nessuna soluzione è esclusa, l’obiettivo è riportare tutti i ragazzi a scuola in sicurezza e in presenza“. Le parole del ministro della Salute sembrano improntate alla cautela, segno che ancora una linea chiara nell’esecutivo non c’è: “Obbligo in base al numero dei vaccinati nelle varie regioni? “Non abbiamo valutato un’ipotesi in questi termini” anche se “ci sono differenze tra regioni: in alcune il tasso è molto alto, in altre è più basso. Di solito le misure che facciamo sono nazionali“.

MINISTRO SPERANZA: “POLITICA NON SI DIVIDA SULLA SCIENZA”

Il ministro Speranza ci tiene in ogni caso a non far passare il concetto che quella degli insegnanti sia una categoria composta per larga parte da No Vax: “Tra gli insegnanti e il personale scolastico il dato dei vaccinati è molto alto, l’85% ha avuto almeno la prima dose. Ma noi vogliamo che questa percentuale cresca, per questo nelle prossime ore valuteremo qual è lo strumento migliore“. Speranza insiste: “La larghissima maggioranza degli italiani ha capito che il vaccino è lo strumento per chiudere questa fase. Dove c’è un dubbio, c’è bisogno di una spiegazione. Se una persona ha un dubbio, la soluzione non è insultarla. Bisogna parlarci, perché dalla nostra parte abbiamo l’evidenza scientifica, i dati. Se non vogliamo rivivere stagioni di privazioni e chiusure, dobbiamo utilizzare lo strumento del vaccino“. Da parte del ministro della Salute arriva poii un appello a ritrovare unità in questa fase: “Abbiamo introdotto l’obbligo per chi lavora nella sanità. Valuteremo i dati e capiremo se serviranno ulteriori obblighi. Finora la risposta degli italiani è stata straordinaria: consumiamo tutte le dosi, utilizziamo più di 500mila dosi al giorno. La risposta delle persone è stata all’altezza delle aspettative. Chiedo a tutte le forze politiche di non avere ambiguità, ci giochiamo l’apertura o la chiusura delle scuole e delle attività produttive. Dobbiamo fidarci della scienza, non dobbiamo dividerci sul terreno della politica. Sono d’accordo con il segretario Letta, e spero che le forze politiche liberino il campo da ogni ambiguità. Le ambiguità fanno solo male al Paese“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA