“Stanno rapinando Giampiero Galeazzi!” vicini chiamano la polizia/ Era un tecnico Tim

- Claudio Franceschini

Rapina in casa di Giampiero Galeazzi? I vicini hanno chiamato la polizia, che accorsa sul luogo ha identificato l’uomo come un autentico operaio della Tim intervenuto per una riparazione.

Giampiero Galeazzi cappello compleanno lapresse 2020
Giampiero Galeazzi, 73 anni (Foto LaPresse)

Rapina in casa di Giampiero Galeazzi? No, solo un tecnico della Tim scambiato per un ladro. E’ successo questo a Roma, in via Cortina d’Ampezzo: lo racconta Leggo. Una zona della capitale già vessata da parecchi furti e truffe agli anziani, l’emergenza Coronavirus, la paura dei condomini: ingredienti che hanno fatto vivere una breve disavventura al malcapitato, fortunatamente conclusasi nel migliore dei modi. I fatti: i vicini di “Bisteccone”, famoso e amato giornalista – che non ha bisogno di presentazioni – hanno chiamato la polizia quando hanno visto una persona vestita con maglia rossa, mascherina sul volto e borsa degli attrezzi.

La pattuglia è accorsa sul posto, ma invece di sventare una rapina hanno semplicemente scoperto come quell’uomo fosse un operaio Tim, con tanto di tesserino autentico e lettera d’incarico per l’intervento. Meglio un falso allarme che un mancato intervento “reale”, si potrebbe dire; sembra quasi la trasposizione di Pierino e il lupo nella realtà, solo sperando in un finale diverso.

La ricostruzione della “finta” rapina è arrivata in seguito. Giampiero Galeazzi, che da tempo una grave forma di diabete ha costretto su una sedia a rotelle, non riusciva a navigare in rete; così ha chiamato il call center del suo operatore telefonico, ma il guasto non è stato risolto. A quel punto la moglie ha concordato un intervento sul posto: a presentarsi è stato l’uomo di cui sopra, ma qualche vicino fin troppo zelante si è insospettito nel vedere la borsa degli attrezzi, un atteggiamento circospetto e soprattutto la mascherina.

Che la mascherina fosse la prima misura di sicurezza in tempi di Coronavirus non è venuto in mente, o forse sì ma è rimasto un pensiero secondario: a vincere è stata la paura – comprensibile, se davvero la zona è stata ed è bersaglio di furti – e l’immediato pensiero ad una rapina imminente, e così è scattata la telefonata al 112. La pattuglia è arrivata mentre l’uomo scendeva le scale: fermato, è stato subito identificato e lasciato andare. A corredo della vicenda, ci informa Leggo, anche il lieto fine: Giampiero Galeazzi ha potuto riprendere a navigare. Tutto è bene quel che finisce bene dunque…

© RIPRODUZIONE RISERVATA