“STASERA LIBONI”/ Viaggio attraverso 50 anni di musica italiana

- La Redazione

L’ultima fatica letteraria di Valerio Liboni, storico membro del gruppo beat-pop I Nuovi Angeli, curata da Alberto Borgatta

liboni 640x300
In foto il music-maker Valerio Liboni e la copertina del suo nuovo libro

Cinquant’anni di carriera e non sentirli. Cinquant’anni di note, emozioni, viaggi e chilometri percorsi sempre sulla cresta dell’onda, senza stancarsi mai.

Incrociando la propria vita e la propria arte con quelle di colleghi altrettanto affermati quali, tra i tanti, Fiorella Mannoia, Gianni Boncompagni, Mia Martini, Renzo Arbore, Wilma Goich, New Trolls, Umberto Tozzi, Mike Bongiorno, Pippo Baudo, Dino, Mal dei Primitives, Little Tony e molti altri.

Questo e molto altro ancora è ‘Stasera Liboni – Viaggio in musica lungo cinquant’anni di carriera’, scritto da Valerio Liboni, storico leader de I Nuovi Angeli (la celeberrima band del boom economico titolare di successi quali ‘Donna Felicità’, ‘Ragazzina’, ‘Singapore’), cantautore e music-maker con all’attivo ben 5 partecipazioni al Festival di Sanremo (per cui ha scritto ben due sigle, di cui una, ‘Che Fico’, cantata dall’attore e showman Pippo Franco) e autore raffinato di tanti evergreen scritti per altrettante importanti voci della discografia nazionale.

L’opera, edita da Daniela Piazza Editore e magistralmente curata dal giovane e valente Alberto Borgatta, è la terza nell’ordine rilasciata alle stampe dall’artista torinese, famoso anche per essere l’autore degli inni ufficiali del Torino Calcio, tra cui uno su tutti, ‘Ancora Toro’, firmato a quattro mani con il noto pianista Silvano Borgatta, che sul web continua a mietere milioni di visualizzazioni.

Un testo che scorre veloce, quello di Valerio Liboni, che si mette a nudo piacevolmente con quella schietta franchezza tipica del suo stile, raccontando aneddoti, fatti, curiosità e storie dell’Italia musicale dagli Anni Sessanta a oggi.

Lui, che è figlio d’arte – suo padre, Gianni Liboni fu la spalla storica del grande Erminio Macario, la sua bisnonna Emilia Scolara, in arte Virginia Fleury, invece una delle prime dive del cinema muto a inizio ‘900 -, negli anni diventato batterista, autore, paroliere e compositore nonché produttore ed editore discografico, può vantare un punto di vista privilegiato che lo porta a snocciolare episodi inediti e davvero curiosi sul dietro le quinte dello spettacolo made in Italy.

Un libro da gustare amabilmente come un buon gelato, fatto di storie nella storia, capace di offrire uno spaccato davvero interessante e avvincente di tutto ciò che ruota fuori e dentro il palco. Con particolare ed efficace risalto a quel backstage che, alle volte, rischia di essere ben più importante e altrettanto determinante di quanto accade in scena”, chiosa il giornalista radiotelevisivo e saggista cattolico Maurizio Scandurra, coautore e curatore dei primi due volumi di Valerio Liboni dal titolo ‘Crash! – Storie e curiosità dell’Italia della canzone a ritmo di musica, viaggi e amore’ (Aereostella, 2009) e ‘Io questa maglia sognavo da bambino’ (Atmoasfera/Egea Musica, 2016), nonché spesso opinionista a ‘Canale Italia’, ‘Radio Radio’ e ‘La Zanzara’ di ‘Radio24’ condotta da Giuseppe Cruciani, Alberto Gottardo e David Parenzo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA