“Tac inutile per diagnosi Covid”/ Studio “Poche differenze con polmonite influenza”

- Silvana Palazzo

“Tac inutile per diagnosi Covid”, studio dalla Cina avverte: “Poche differenze con polmonite influenza, utile solo per valutare lesioni e effetti cure”

Coronavirus Roma
Coronavirus Italia, ospedale Policlinico Tor Vergata Roma (LaPresse, 2020)

Ormai abbiamo imparato che la Covid non è una semplice influenza, ad esempio per la letalità e i danni multi-organo che causa. Ma diagnosticarlo non è semplice se non si ricorre al tampone. È quanto emerge da uno studio pubblicato sull’American Journal of Roentgenology (AJR) che ha cercato di scoprire tramite i risultati delle TAC le differenze tra la polmonite da coronavirus e quella da virus influenzale. I ricercatori hanno quindi scoperto che le lesioni prodotte dal Covid-19 si localizzano nella zona periferica e vicino alla pleura, invece il virus dell’influenza produce un impatto mucide e un versamento pleurico. Ma si tratta di una differenza minima, che non permette – ritengono – di ritenere sufficiente la Tac per la diagnosi. «Nella pratica clinica resta difficile distinguere tra polmonite da Covid-19 e polmonite da virus nell’influenza», ha spiegato Liaoyi Lin della Wenzhou Medical University, per il cui studio sono stati coinvolti 97 pazienti: di questi, 52 avevano la polmonite da Covid, 45 quella da virus influenzale.

COVID, LO STUDIO “TAC INUTILE PER DIAGNOSI”

La polmonite da Covid-19 e da influenza non possono essere distinte con le scansioni della Tac o con l’aiuto di software di intelligenza artificiale (AI), secondo questo studio cinese. «Non abbiamo trovato differenze significative tra le due polmoniti virali in termini di proprietà della lesione più grande, opacità a vetro smerigliato, consolidamento, attenuazione del mosaico, ispessimento della parete bronchiale, noduli centrilobuli, ispessimento del setto interlobulare, broncogramma ad aria, distribuzione unilaterale o bilaterale, o distribuzione longitudinale delle lesioni», scrivono i ricercatori. Neppure l’intelligenza artificiale è riuscita ad aiutarli. «L’esame della Tac va combinato con indicatori clinici per una valutazione completa. Il ruolo della Tac è importante nella pandemia per trovare le lesioni e valutare gli effetti delle terapie», non per la diagnosi del Covid-19. All’inizio dell’epidemia, invece, la Tac ha avuto anche questo ruolo in Cina, prima che si arrivasse a test affidabili per la diagnosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA