Torino, testa incastrata fra i mobili: morta bimba di 5 mesi/ Era sul letto e poi…

- Davide Giancristofaro Alberti

Torino, testa incastrata fra i mobili: morta bimba di 5 mesi. Tragedia avvenuta ieri sera nel quartiere Barriera di Milano

suora accoltellata genova
Immagine di repertorio (LaPresse)
Pubblicità

Una vera e propria tragedia quanto avvenuto a Torino nella giornata di ieri: una bimba di pochi mesi è morta dopo essere rimasta incastrata con la testa fra il letto e un mobile. Come riferisce l’edizione online di TgCom24.it, la piccola era di origini marocchine e al momento del decesso si trovava a casa della nonna: la signora l’aveva lasciata un istante sul letto per recarsi in bagno, ma in quel breve lasso di tempo deve essersi verificato qualcosa. Al ritorno in camera, infatti, la donna ha trovato la piccola di pochi mesi con la testa incastrata e priva di sensi. Subito è stato allertato il 118, ma la corsa in ospedale è stata purtroppo vana, visto che la bimba, a causa del colpo ricevuto, è deceduta prima ancora di arrivare presso la struttura ospedaliera. La tragedia è avvenuta nel quartiere popolare di Torino denominato Barriera di Milano.

Pubblicità

TORINO, BIMBA MORTA CON LA TESTA INCASTRATA: LA RICOSTRUZIONE

La nonna della bambina, una donna di 56 anni, aveva già altre volte accudito la piccola visto che la mamma era all’estero. Una giornata normale quella di ieri, un giro al parco, la pappa, la nanna, e le solite coccole, che come ricorda TgCom24, non mancavano mai. Ma è bastato un brevissimo lasso di tempo per trasformare un giorno sereno in una tragedia. La chiamata ai soccorsi è giunta attorno alle ore 20:00 della serata di ieri, con la nonna che si è messa a gridare al telefono, ovviamente spaventata e comprendendo la gravità della situazione: “Venite fate presto. Fate presto, mia nipote non respira più”. Presso l’abitazione dove la bimba è deceduta si sono recati i carabinieri della compagnia Oltre Dora, assieme al nucleo rilievi scientifici del comando provinciale dell’Arma, che hanno effettuato un sopralluogo. La nonna si sarebbe rivolta così ai militari: “Sono disperata, l’ho lasciata solo pochi istanti”. Rischia ora una denuncia per omessa custodia di minore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità