TURCHIA/ Il caso Ates e la crisi dell’Mhp possono costare a Erdogan la rielezione nel 2023

- Giuseppe Gagliano

È stato di fatto taciuto in Italia l'omicidio di Sinan Ateş, leader dei Lupi grigi. L'Mhp risultava già indebolito; ora la crisi si propagherà all'Akp

erdogan 5 lapresse1280 640x300 Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (LaPresse)

Lo scorso 30 dicembre un assalitore su una moto ha aperto il fuoco su Sinan Ateş, il leader della forza paramilitare più temuta della Turchia, conosciuta come i Lupi grigi.

I Lupi grigi sono il braccio paramilitare del Nationalist Movement Party (Mhp), una forza politica militante che occupa la maggior parte dello spazio di estrema destra della politica turca. L’Mhp sposa opinioni autoritarie e antioccidentali ed è violentemente contrario ai negoziati con le minoranze etniche turche, compresi i curdi. La sua politica si rivolge agli elettori ultraconservatori, che di solito sono maschi e di età superiore ai 35 anni. I Lupi grigi operano come truppe d’urto dell’Mhp, spesso impegnate in sanguinose lotte di strada contro curdi, forze di sinistra e altre forze popolari che si oppongono all’estrema destra turca. Conosciuti per il loro machismo e la spavalderia violenta, i Grey Wolves si rivolgono agli uomini della classe operaia. In sostanza, quindi, il Mhp e i Lupi grigi sono due facce della stessa medaglia.

Nel 2015, il Mhp ha formato un patto elettorale con il Partito della Giustizia e dello Sviluppo (Akp) del presidente Erdogan. La formazione di questo patto, noto come Alleanza popolare, ha segnato il culmine di un lungo processo di cooperazione informale tra le due parti, in corso almeno dal 2007. L’Alleanza popolare è stata determinante nel preservare il dominio dell’Akp sulla vita politica turca negli ultimi anni, nonostante la perdita di popolarità che Erdogan ha sperimentato. Attualmente l’Akp si basa direttamente sul sostegno parlamentare dell’Mhp per governare la Turchia con un governo di minoranza. I Lupi grigi, che tendono ad essere più indisciplinati della loro organizzazione madre, sono nominalmente a sostegno di Erdogan, ma tendono a vederlo troppo morbido e non sufficientemente autoritario.

Al Mhp piace proiettarsi come un’organizzazione militante unificata. In realtà, è sempre stato il prodotto di una difficile alleanza tra gruppi di estrema destra disparati. La sua appartenenza spazia dai conservatori sociali agli ultranazionalisti e persino ai neofascisti. Quando l’Mhp e l’Akp hanno formato l’Alleanza del Popolo, molti di questi gruppi hanno espresso seri dubbi sull’allineamento con Erdogan. Alla fine, una fazione di conservatori filoccidentali e laici ha lasciato il partito per la preoccupazione che l’Mhp sarebbe stato completamente assorbito dall’Akp pro-islamista e anti-occidentale.

Questi dissidenti hanno proceduto a formare l’Iyi Parti (Buon Partito), un movimento conservatore riformista, che da allora è cresciuto fino a rivaleggiare con l’Mhp in popolarità. Alcuni osservatori ora affermano che la formazione del Buon Partito potrebbe aver dimezzato la forza elettorale dell’Mhp. Come ci si può aspettare, la divisione ideologica tra il Mhp e il Buon Partito si è rapidamente riversata sui Lupi grigi. Entro il 2021, dozzine di membri di spicco dei Lupi grigi avevano lasciato il gruppo e si erano uniti all’organizzazione scissionista. In tutto quel periodo il carismatico Ateş, che era stato nominato presidente dei Lupi grigi nel 2019, rimase in gran parte in silenzio.

Nel 2020, tuttavia, c’erano voci che Ateş fosse lui stesso vicino a dimettersi dall’Mhp e ad unirsi al Buon Partito. Se ciò fosse accaduto, avrebbe posto Devlet Bahceli, il presidente veterano dell’Mhp, in una posizione molto difficile, poiché molto probabilmente avrebbe indebolito ulteriormente il suo ruolo all’interno dell’Mhp. Le voci che Ateş avrebbe potuto presto lasciare l’Mhp si sono intensificate nell’aprile del 2020, quando ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di presidente dei Lupi grigi. Tuttavia, Ateş non si è dimesso dall’Mhp, né ha lasciato i Lupi grigi.

Nella sua lettera di dimissioni, ha elogiato l’organizzazione militante e ha dichiarato la sua fedeltà a Bahceli. Tuttavia, molti credevano che le dimissioni di Ateş dai Lupi grigi fossero il primo passo nel suo graduale allontanamento dall’Mhp, un processo che molto probabilmente si sarebbe concluso con lui che si univa apertamente al Buon Partito.

Secondo tutti i conti, Ateş è stato ucciso poche settimane prima di unirsi ufficialmente al Buon Partito. Dopo il suo assassinio, alcuni dei suoi consiglieri più stretti hanno detto che aveva tenuto cicli di consultazioni con i leader del Buon Partito nelle settimane prima di essere ucciso. Finora, 15 persone sono stati arrestate dal dipartimento di polizia di Ankara, che è responsabile delle indagini sull’omicidio di Ateş. Tutti hanno forti legami con il Mhp o i Grey Wolves. Inoltre, nessun leader senior dei Lupi grigi o del Mhp, incluso Bahceli, ha rilasciato una dichiarazione di condoglianze per l’uccisione di Ateş. Questo è molto particolare, dato che Ateş aveva trascorso tutta la sua vita adulta nei Lupi grigi, ed era l’uomo-prodigio e il confidente più vicino di Bahçeli.

Ma è stato un assassinio politico? Bisogna tenere presente che i Lupi grigi non sono semplicemente un’organizzazione politica. È anche un potente conglomerato economico, con interessi commerciali complessi che, alcuni sostengono, spesso attraversano il confine tra legalità e non. Alcune di queste attività illecite presumibilmente includono il trasporto di droghe, la vendita di servizi di protezione, la gestione di reti di prostituzione, nonché il traffico di esseri umani su larga scala in Turchia, nonché in Europa e in Asia. È quindi difficile separare il ruolo politico dei Lupi grigi – e probabilmente quello di Mhp – dalle sue attività finanziarie. Ne consegue che non si dovrebbe escludere completamente la possibilità di un motivo criminale o mafioso dietro l’uccisione di Ateş.

Tuttavia, l’assassinio di Ateş ha ramificazioni politiche dirette, e forse enormi, per la Turchia, mentre il Paese si prepara a un’elezione presidenziale altamente polarizzata il prossimo maggio. In effetti, c’è un’opinione crescente tra gli osservatori esperti che le potenziali conseguenze dell’affare Ateş per le prossime elezioni potrebbero avere forti implicazioni. Ci sono analisi secondo cui, a seguito della scissione del partito Mhp-Good e della conseguente vendetta tra le due fazioni, il sostegno elettorale dell’Mhp potrebbe essere sceso al di sotto del 4% del voto nazionale. Se fosse vero, ciò contrasterebbe drammaticamente con la popolarità elettorale del gruppo, che nel 2015 ha raggiunto il picco di oltre il 14% del voto nazionale.

Con un Mhp indebolito, è probabile che la capacità del presidente Erdogan di aggrapparsi al potere possa indebolirsi sostanzialmente nei prossimi mesi. Recenti sondaggi mostrano che l’uomo forte turco potrebbe effettivamente finire terzo nelle elezioni di maggio, il che sarebbe uno sviluppo notevole per una figura così dominante nella moderna vita politica turca.

Da diversi anni, l’Mhp è stato definito “l’àncora di salvezza politica di Erdogan”. Questa àncora di salvezza si sta riducendo e l’affare Ateş potrebbe infliggere un colpo fatale al partito di estrema destra. Un Mhp instabile e indebolito avrebbe probabilmente un impatto drammatico sul futuro politico di Erdogan, e potrebbe alterare l’intera politica turca.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di Esteri

Ultime notizie