Turismo Lombardia, Regione premia attività storiche/ Strutture ricettive con almeno 50 anni di attività

- Davide Giancristofaro Alberti

Turismo Lombardia, Regione premia attività storiche: un riconoscimento che riguarda tutte le attività ricettive, alberghiere e non, con almeno 50 anni di attività

seconde case imbarcazioni Immagine di repertorio (LaPresse)

La Regione Lombardia intende premiare le sue attività ricettive e turistiche storiche. Non soltanto le botteghe, ma da ora in avanti anche le strutture e gli hotel che operano sul territorio da oltre 50 anni, otterranno un riconoscimento, così come specificato da Lombardianotizie.online. Si tratta di un attestato ufficiale previsto dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore a Turismo, Moda e Marketing Territoriale, Barbara Mazzali. Nello specifico, un premio che valorizza e promuove gli imprenditori e le strutture ricettive storiche e di qualità della Lombardia.

“Sono fiera – ha commentato Mazzali, come si legge su Lombardianotizie.online – di istituire un riconoscimento per chi in Lombardia lavora da 50 anni nel sistema di accoglienza e ancor oggi prosegue il proprio lavoro con costanza e dedizione per far sentire i turisti a casa. Nella nostra Regione abbiamo alberghi storici, residence e tante strutture ricettive eccellenti, che meritano di essere premiate, così come quelle che stabiliscono un forte legame con il territorio dove operano, favorendo l’offerta di prodotti tipici e peculiarità locali, portando così indotto alla comunità locale”.

TURISMO LOMBARDIA, REGIONE PREMIA ATTIVITA’ STORICHE: “VOGLIAMO VALORIZZARE…”

Quindi l’esponente di regione Lombardia ha aggiunto: “Allo stesso modo vogliamo valorizzare quelle strutture di qualità, intesa anche in senso di responsabilità perché si tratta, nel concreto, di pratiche responsabili, come il possesso di certificazioni Ecolabel, Green Key, Bio Hotels. Ma la qualità che, come Regione Lombardia vogliamo far emergere – conclude Mazzali – non è solo quella legata al rispetto dell’ambiente, ma anche l’attenzione verso le persone disabili, che devono poter usufruire di strutture idonee per trascorrere soggiorni ed esperienze di vacanza al pari di qualunque altro”.

Per ottenere il riconoscimento bisognerà essere delle strutture ricettive sia alberghiere che non, che abbiano una continuità nel tempo della gestione o dell’insegna per almeno 50 anni, senza alcuna interruzione, a meno che non ci sia stata una ristrutturazione o una sospensione dell’attività a causa del covid. Per presentare la richiesta di riconoscimento bisognerà registrarsi presso il portale Bandi online (www.bandi.regione.lombardia.it) utilizzando l’apposito modulo.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Turismo e Viaggi

Ultime notizie