UCRAINA/ Fronte militare e guerra totale: ciò che l’Ue non ha capito della Russia

- Paolo Raffone

L’Ue sta sottovalutando la strategia della Russia in Ucraina: usare la guerra per estinguere le risorse a sostegno e creare divisioni politiche

ucraina guerra mykolaiv 1 lapresse1280 640x300
Ucraina, case distrutte e disperazione a Mykolaiv (LaPresse)

Il bel sito geopolitico di George Friedman, Geopolitical Futures, ha pubblicato (sollecitandone la diffusione) un testo di Ridvan Bari Urcosta che spiega in modo accessibile a tutti la strategia russa nella guerra in Ucraina: “La guerra prolungata della Russia in Ucraina. La guerra di logoramento di Mosca ha lo scopo semplicemente di esaurire i suoi nemici”.

La traduzione che segue permette di cogliere il senso di quel che sta avvenendo sul terreno, ma soprattutto di capirne le conseguenze con le quali inevitabilmente l’Occidente, e in modo molto più esposto l’Ue e gli Stati europei, dovranno confrontarsi. Con l’arrivo dell’autunno–inverno la strategia russa di logoramento dell’Occidente morderà, creando un risentimento sociale che nessun appello “all’unità” potrà resistere. Restare appiattiti sulla volontà dell’Anglosfera e della Polonia di difesa ad oltranza dell’Ucraina – legittima, giusta, ma realisticamente poco efficace – rischia di rompere i ranghi del fronte occidentale dove, con un Biden in probabile sconfitta elettorale a novembre, gli europei resteranno col cerino in mano: inflazione rampante, carenza energetica e costi moltiplicati, possibile razionamento energetico, e costi multimiliardari pluriannuali per il sostegno militare e la ricostruzione dell’Ucraina.

In politica nulla è impossibile, ma una cosa è certa: più si prolunga il “muro contro muro”, più i danni saranno grandi e le conseguenze di lunga durata. Un cambio di passo degli europei – senza in alcun modo concedere alla Russia l’impunità per la sua azione di guerra – che consideri realisticamente la situazione è l’unica prospettiva che ci sentiamo di augurarci. Una tale iniziativa europea godrebbe del sostegno cinese – che dalla guerra in Ucraina ha ricevuto solo problemi – e di due terzi delle nazioni che siedono all’Assemblea generale dell’Onu, la cui prossima sessione plenaria si aprirà a settembre 2022.

“La guerra in Ucraina infuria senza fine in vista. Né la Russia né l’Ucraina sono pronte a sedersi al tavolo dei negoziati. Entrambi affermano che i loro obiettivi sono assoluti e non negoziabili. Con i negoziati che non sono un’opzione, entrambi sono determinate a esaurire le risorse, la manodopera e il potenziale tecnologico del nemico, e alla fine ‘atterrare l’avversario, e quindi renderlo incapace di ulteriore resistenza’, nelle parole di Clausewitz. Nel frattempo, le azioni della Russia in Ucraina dipingono un quadro chiaro della dottrina di Mosca sulla guerra e illustrano che l’Ucraina è solo una parte dei più ampi obiettivi economici e geopolitici della Russia.

L’invasione dell’Ucraina segna la fase successiva del confronto globale tra Oriente e Occidente. L’Oriente, guidato da Cina e Russia, vuole rivedere l’ordine politico-economico che ha al centro gli Stati Uniti. L’espressione militare dello scontro, in Ucraina, potrebbe facilmente riversarsi in altre parti dell’Eurasia. Nessuna delle due parti vuole questo, e forse una caratteristica unica di questo confronto del XXI secolo sarà la sua localizzazione. Ci sono stati molti scontri militari localizzati tra Oriente e Occidente durante la Guerra fredda, come il Vietnam e l’Afghanistan. Finora, non è chiaro chi stia beneficiando di più dal prolungamento della guerra in Ucraina. In effetti, si potrebbe sostenere che tutte le parti coinvolte stanno perdendo; tutti stanno vivendo difficoltà economiche e di altro tipo che non potranno che crescere.

Per capire il corso della guerra, è necessario capire le influenze della dottrina militare russa contemporanea. La dottrina russa inizia con la teoria marxista della guerra, che insegna che la guerra è una continuazione della politica, una premessa presa da Clausewitz. La scuola militare russa tradizionale ha anche ereditato la visione dialettica della guerra, in cui qualsiasi guerra locale fa parte della rivalità geopolitica globale con ‘l’imperialismo occidentale’. La dottrina russa è anche influenzata dalla visione maoista, che persegue più fronti in caso di guerre prolungate. In pratica, questo significa che la Russia (e l’Unione Sovietica prima di essa), così come la Cina, prendono di mira il cosiddetto Terzo Mondo come mezzo per minare il potere occidentale.

Infine, è ormai ovvio che quando la Russia ha iniziato la guerra, il Cremlino ha deciso la teoria della mobilitazione permanente. Questo è stato sviluppato dal teorico militare sovietico Alexander Svechin, che ha proposto che lo Stato debba evitare ‘l’eccessiva mobilitazione’, che ha definito come mobilitazione di tutta la società e dell’economia e che può scatenare crisi politiche o addirittura rivoluzione. Svechin ha suggerito che la situazione economica deve essere profondamente valutata prima e durante la guerra. La parte economica dovrebbe essere sicura e fuori dalla portata del nemico.

Queste prospettive aiutano a spiegare l’approccio economico e militare della Russia al conflitto in Ucraina. A livello globale, la Russia ha lanciato guerre ideologiche, di risorse, energetiche ed economico-finanziarie contro l’Occidente. L’obiettivo è quello di esaurire il potenziale economico e finanziario dell’Occidente, in particolare il dominio del dollaro Usa. L’Ucraina è uno dei più grandi paesi in Europa in termini di popolazione e territorio, e quindi può facilmente assorbire un’enorme quantità di dollari. La Russia spera che l’enorme onere del sostegno economico e militare all’Ucraina creerà divisioni all’interno della Nato e dell’Unione Europea. Sul campo di battaglia, la Russia non ha rinunciato al suo obiettivo primario di occupare la regione del Donbass e altre aree della Novorossiya nell’Ucraina meridionale e orientale. Continua la sua campagna di mobilitazione nascosta e continua a minacciare Kiev e il resto dell’Ucraina.

La Russia ha capito che la guerra era contro l’Occidente fin dall’inizio, ma da quando le armi occidentali più avanzate hanno iniziato ad arrivare in Ucraina, in particolare gli Himars (High Mobility Artillery Rocket System), è diventata una realtà inevitabile. Efficaci attacchi missilistici sul retro dell’esercito russo, ponti e depositi di munizioni sono stati un campanello d’allarme. Gli ucraini hanno sorpreso per la loro capacità di afferrare e incorporare nuove tecnologie nella guerra. La Russia ha risposto con un cambio di tattica e strategia. Ora sta evitando la chiusura del fronte o le concentrazioni di depositi di munizioni e hardware. Inoltre, sta cercando nuovi modi per contrastare gli Himars, ad esempio utilizzando i sistemi missilistici antiaerei Buk-M3 e Pantsir per tentare di intercettare i razzi.

Ma le realtà geopolitiche e militari sono tali che i funzionari russi devono continuare a perseguire la guerra perché devono ancora raggiungere i loro obiettivi. Fermare l’assalto senza prendere il Donbass sarebbe un suicidio politico, anche per Putin. Le interruzioni delle forniture alimentari, i modelli migratori e i mercati energetici sono l’unica vera leva che la Russia ha lasciato.

In effetti, la situazione si aggraverà nonostante le linee rosse emesse da entrambe le parti. La Russia vuole mantenere il conflitto indiretto con l’Occidente, e vuole che l’Occidente limiti il sostegno militare e le armi che potrebbero, ad esempio, minacciare la patria russa o minare il controllo russo del proprio spazio aereo. L’Occidente, e in particolare la Nato, vuole impedire che il conflitto si riversi in regioni più sensibili come i Paesi baltici e la Polonia. Finora, nessuno sembra pronto a rinunciare al fantasma nonostante le pesanti perdite.

Le linee rosse non sono inviolabili, ovviamente, ma forniscono un’idea di ciò che ci vorrebbe per dare il via a una guerra molto più grande, o anche a uno scambio nucleare. Finora, tutte le parti, compresa l’Ucraina, sono pronte a continuare a ritmo sostenuto. La Russia non ha ancora attaccato direttamente i centri politici e militari dell’Ucraina, né ha bombardato a tappeto le città ucraine. Ma più debole diventa l’esercito russo, più allettante sarà per lui intraprendere azioni più drastiche. L’Occidente è ancora un’importante fonte di assistenza militare, ma tale assistenza consiste in aerei più vecchi e altre piattaforme di difesa aerea. Se iniziasse a inviare tecnologie più sofisticate e all’avanguardia, altererebbe l’equilibrio di potere nel conflitto e quindi potenzialmente attirerebbe l’Occidente e la Russia in una guerra intensificata. L’Occidente non è attualmente preparato a correre questo rischio.

Il regime di Putin intende sopravvivere, quindi è più che disposto a giocare la partita lunga. Mosca vede la guerra in Ucraina solo come il fronte militare in un conflitto economico, politico e diplomatico con l’Occidente. In un recente forum economico a San Pietroburgo, Putin ha persino affermato che le azioni contro la Russia non faranno che aggravare ulteriormente le divisioni in Occidente, come evidenziato dalla rappresaglia della Russia nel mercato dell’energia.

Il teorico militare B.H. Liddell Hart ha detto che ‘la grande strategia dovrebbe sia calcolare che sviluppare le risorse economiche e la manodopera delle nazioni al fine di sostenere i servizi di combattimento’. Putin sembra averlo preso a cuore. La prolungata guerra di logoramento della Russia ha lo scopo di esaurire semplicemente i suoi nemici; rendere l’Ucraina un buco nero che assorbe denaro e risorse è fondamentale per questo obiettivo. Affinché la Russia raggiunga i suoi obiettivi geopolitici, potrebbe dover solo prendere il suo tempo”.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori