Umberto Smaila/ “Colpo Grosso oggi sarebbe vietato, inviterei Salvini ai miei show”

- Davide Giancristofaro Alberti

Umberto Smaila è convinto che Colpo Grosso, suo programma cult, non potrebbe andare in onda sulla tv attuale: “Oggi è tutto vietato”

umberto smaila min 640x300
Umberto Smaila - Foto Instagram

Umberto Smaila compirà quest’anno, il prossimo 26 giugno, 70 anni. Un traguardo importante ma lo showman di Verona non si sente affatto pronto ad appendere il microfono al chiodo: “Il segreto è lo stupore – dice ai microfoni di Libero – nel senso che guardo quel numero e dico “Ma non ho mica 70, stiamo scherzando?”. Io voglio ancora giocare a freccette, mangiare i ghiaccioli. Gli anni sono relativi”. Umberto Smaila è famoso per numerosi film e show, ma resta comunque indelebilmente associato al programma cult Colpo Grosso, in onda in televisione negli anni ’80 sulle tv private. Il giornalista di Libero gli chiede se nella tv di oggi potrebbe mai essere riproposto quel programma: “Sarebbe molto più difficile – replica Smaila – quello era un altro mondo, più spensierato, in cui gli italiani stavano più o meno bene e il governo di Craxi aveva favorito uno spirito ottimistico”. Smaila ha aggiunto: “Oggi viviamo un periodo del ‘non si fa e non si deve’” del Me Too”. Un programma spensierato ma non volgare come Colpo Grosso non potrebbe andare in onda”.

UMBERTO SMAILA: “SALVINI E IL MOJITO? MA COS’HA FATTO DI MALE?!”

Smaila si toglie anche qualche sassolino dalle scarpe, facendo riferimento alla recente reunion dei Ricchi e Poveri al festival di Sanremo 2020: “Loro hanno cantato in playback, io continuo a cantare dal vivo, anzi, canto meglio adesso che agli inizi della carriera. Per me non esiste l’idea di cantare in playback, significa tradire le regole dello spettacolo live e quindi il pubblico”. Si parla anche di politica e Smaila strizza l’occhio al leader della Lega, Matteo Salvini, ex ministro dell’Interno: “Oggi siamo succubi di una mafia politico-burocratica che ha sede a Bruxelles. E i poteri forti non sono cambiati: è la finanza a decidere chi ci deve governare. E’ per questo che Salvini non può andare al potere. Se poi ci aggiunge anche l’attacco della magistratura il quadro è completo. Salvini mi piace – prosegue – anche la Meloni, son un bel tandem assortito. Ospitare Salvini allo Smaila’s? Molto volentieri, può ritenersi già invitato. L’importante è che non rinunci al mojito. Mi chiedo che diavolo di male c’è a bere un mojito? E’ normale come mangiarsi una pizza”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA