Vaccino Covid, ecco modulo consenso in pdf/ Dettagli operativi e scheda anamnestica

- Silvana Palazzo

Vaccino Covid “Comirnaty” di Pfizer e BioNTech: ecco il modulo di consenso in pdf con i dettagli operativi e la scheda anamnestica da compilare col personale sanitario

modulo consenso vaccino covid 640x300
Modulo consenso vaccino Covid

Prima di ricevere il vaccino anti Covid “Comirnaty” realizzato da Pfizer e BioNTech bisogna compilare un modulo di consenso. Lo prevede il Piano nazionale, secondo cui gli interessati devono leggerlo e poi firmarlo. Il modulo del consenso informato è stato diffuso anche dall’Ordine nazionale di biologi. Nella prima pagina del documento bisogna inserire i dati personali e si afferma di aver letto e compreso la Nota Informativa in Allegato 1 di cui si riceve copia, di aver “compilato in modo veritiero” il modulo e di aver “riesaminato con il Personale Sanitario la Scheda Anamnestica in Allegato 2”.

Inoltre, di essere stato “correttamente informato con parole a me chiare” in merito ai “benefici ed i rischi della vaccinazione, le modalità e le alternative terapeutiche, nonché le conseguenze di un eventuale rifiuto o di una rinuncia al completamento della vaccinazione con la seconda dose”. E si dichiara che in caso di effetto collaterale bisogna “informare immediatamente” il medico curante e di restare in sala d’aspetto almeno 15 minuti dalla somministrazione del vaccino “per assicurarsi che non si verifichino reazioni avverse immediate”.

Clicca qui per scaricare modulo di consenso vaccino Covid

VACCINO COVID, DETTAGLI OPERATIVI E SCHEDA ANAMNESTICA

Nel modulo di consenso informato per il vaccino anti Covid di Pfizer-BioNTech c’è una parte che va compilata dal personale sanitario che effettua la vaccinazione e deve indicare anche i dettagli operativi. Vaccinando e professionisti devono poi compilare la scheda anamnestica con eventuali patologie da cui si è affetti e farmaci assunti. Inoltre, è precisato che il vaccino “potrebbe non proteggere completamente tutti coloro che lo ricevono”, perché “l’efficacia stimata dalle sperimentazioni cliniche (dopo due dosi di vaccino) è del 95%, e potrebbe essere inferiore in persone con problemi immunitari”. A tal proposito, si raccomanda anche dopo la somministrazione di entrambe le dosi del vaccino “di continuare a seguire scrupolosamente le raccomandazioni delle autorità locali per la sanità pubblica, al fine di prevenire la diffusione del Covid-19”. D’altra parte, si precisa poi che “non si può contrarre la malattia COVID-19 in seguito alla somministrazione del vaccino perché l’RNAm inoculato non può indurre la replicazione del virus”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA