Vaccino Pfizer: “6 dosi per fiala e non 5″/ Siringhe di precisione “decisive”

- Carmine Massimo Balsamo

Vaccino Pfizer, via libera Aifa-Ministero Salute: l’Italia guadagna cinque milioni di dosi. La nota dell’Agenzia italiana del farmaco

vaccini
Vaccino Pfizer-BioNTech (LaPresse)

Importanti aggiornamenti sul vaccino Pfizer: da ogni fiala si potranno ottenere 6 dosi e non 5 come previsto finora. Come riportato dai colleghi di Repubblica, il via libera è arrivato dal Ministero della Salute se dall’Agenzia italiana dal farmaco: una mossa che consente di aumentare del 20% i vaccini venduti all’Italia dal colosso farmaceutico americano.

Buone notizie, dunque, considerando che il Paese guadagna 5 milioni di vaccini: da 27 milioni si passa a 32 milioni di dosi. «Ferma restando la necessità di garantire la somministrazione del corretto quantitativo di 0.3 ml a ciascun soggetto vaccinato attraverso l’utilizzo di siringhe adeguate, è possibile disporre di almeno 1 dose aggiuntiva rispetto alle 5 dosi dichiarate nel Riassunto delle caratteristiche del prodotto (Rcp)», evidenzia Aifa in una nota pubblicata lunedì sera.

VACCINO PFIZER, ITALIA GUADAGNA 5 MILIONI DI DOSI

Ricordiamo che il vaccino Pfizer deve essere diluito con acqua e cloruro di sodio e con il via libera Aifa sarà possibile garantire la dose di 0,3 mL per ciascuna somministrazione, ricavando una dose in più grazie all’apporto delle siringhe di precisione, fondamentali per evitare lo spreco del vaccino residuo.

Come sottolineato da Il Post, questa operazione non sarebbe possibile con delle siringhe normali: con mezzi e aghi standard, «potrebbe non rimanere abbastanza volume per estrarre una sesta dose dal singolo flacone», ha spiegato la FDA in un documento. Ricordiamo che l’Italia ha puntato sulle siringhe “Luer Lock” e che a partire da oggi, fino a marzo 2021, è previsto l’arrivo in Italia di una fornitura equivalente a 564 mila dosi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA