Vaia canta ‘O Sole Mio/ Stona nel ritornello, poi dice: “Se operassi come canto…”

- Alessandro Nidi

Francesco Vaia, direttore dello Spallanzani di Roma, intona “‘O Sole Mio” a “Domenica In”: Mara Venier scoppia a ridere, lui si dimostra molto autoironico

Francesco Vaia, Spallanzani
Francesco Vaia, direttore sanitario Ospedale Spallanzani Roma (LaPresse, 2020)

Francesco Vaia, direttore dell’istituto “Spallanzani” di Roma, è intervenuto a “Domenica In” nel corso della puntata di oggi, domenica 16 maggio 2021, per fare il punto sulla questione Coronavirus e sulla campagna vaccinale, rimarcando ancora una volta l’importanza della vaccinazione in Italia e nel mondo. “Non esiste una classifica di vaccini di serie A e B, sono tutti validi – ha esordito –. La classifica è stata creata da una cattiva comunicazione, dai balbettii e da improvvidi interventi anche in sede europea, dove qualcuno ha detto ‘non compreremo più questo vaccino’, senza spiegare perché non lo compra”.

Vaia, nel suo intervento televisivo, ha poi aggiunto: “Se si dicono queste cose, aumenta il disorientamento. Ormai è provato che i vaccini coprono le varianti e ce lo dicono gli studi avanzati e la campagna vaccinale di alcuni Paesi come Israele e Inghilterra. Chi dovesse essere di nuovo contagiato, asintomatico, non andrà in ospedale, non rischia nulla. Ecco perché è fondamentale vaccinarsi”.

VAIA CANTA “‘O SOLE MIO” A DOMENICA IN

Nel corso di “Domenica In”, Vaia ha dialogato a distanza anche con l’artista Peppino Di Capri, che ha reso noto di essersi già vaccinato con due dosi di Moderna, la seconda delle quali gli è stata inoculata lo scorso 14 maggio. Proprio nel corso di questa chiacchierata, Mara Venier ha chiesto al cantante di intonare, in collegamento video, la canzone “‘O Sole Mio”, che rappresenta una delle roccaforti musicali di Napoli e dell’Italia intera. A quel punto, Peppino Di Capri ha cantato qualche pezzo del ritornello, salvo poi fermarsi prima dell’acuto finale (“Sta in fronte a te”). Il brano, però, non poteva restare incompiuto, così Vaia ha dismesso per un attimo i panni di direttore dello Spallanzani e ha indossato quelli di cantante, portando a compimento quella porzione di canzone. Il risultato non è stato dei migliori, con la stessa Mara Venier che si è messa a ridere per l’acuto non ottimale del professor Vaia, il quale, con molta autoironia, ha chiosato: “Se operassi come canto…”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA