Valentina Nappi/ “Se le donne la dessero via più facilmente ci sarebbero meno stupri”

- Anna Montesano

Valentina Nappi lancia dichiarazioni forti a La Zanzara: “Se ci sono uomini che allungano le mani significa che non toccano abbastanza culi”

valentina nappi instagram 640x300

Dichiarazioni che faranno discutere quelle rilasciate da Valentina Nappi a La Zanzara. La porno attrice ha approfittato di questa chiacchierata per annunciare in primis il suo matrimonio.Mi sono sposata qualche settimana fa. – ha esordito – Io sono per la famiglia e per il valore della famiglia, ma non quella tradizionale che rinnega un figlio gay o come quella di Napoli dove un fratello insegue una sorella per ammazzarla. Quella tradizionale è così, ci sono i muri di genere così ingessati che portano a una violenza all’interno della famiglia”. Matrimonio sì, per la Nappi, ma no ai figli e ne spiega le motivazioni così: “Non ho intenzione di avere figli perché siamo troppi al mondo. – ha motivato – Ma non lo vedete che siamo troppi? C’è il riscaldamento globale, non si trova parcheggio. Fare un figlio è un gesto di egoismo. Bisogna prendersi la responsabilità verso la società.”

Valentina Nappi: “Se ci sono uomini che allungano le mani significa che non toccano abbastanza culi”

Valentina Nappi si spinge ancora nelle sue dichiarazioni. Durante la chiacchierata in diretta a La Zanzara, su Radio24, si parla di masturbazione in pubblico e lei dichiara: “Dovrebbe essere una cosa normale. Dobbiamo avere un approccio razionale.” Così spiega il suo punto di vista: “Il sesso si deve buttare, deve essere come l’aria, va ignorato. Ci deve stare così tanta fig* e caz*o in giro che deve essere ignorato, la gente non deve avere voglia di scop*re.” Così lancia una dichiarazione forte: “Se ci sono uomini che allungano le mani significa che non toccano abbastanza culi, sono repressi, gli hanno insegnato a fare i predatori e ci sono troppe figh* di legno in giro. Dunque se le donne la dessero via più facilmente ci sarebbero meno stupri. – e conclude – Nei paesi dove la prostituzione è legale ci sono statisticamente meno violenze sulle donne”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA