Valerio Scanu, struggente messaggio per papà Tonino/ “Il dolore mi sta soffocando…”

- Stella Dibenedetto

Valerio Scanu scrive un messaggio struggente rendendo omaggio a papà Tonino, morto per coronavirus: “Il dolore ci sta soffocando..”.

scanu 640x300
Valerio Scanu a Vieni da me

Valerio Scanu dice addio al padre. Il cantante sardo, su Instagram, ha pubblicato un messaggio struggente scritto insieme ai fratelli Alessandro e Sonia, per dare l’ultimo saluto a papà Tonino morto per coronavirus. Un dolore grande quello che ha colpito Valerio Scanu e la famiglia, reso ancora più insopportabile dall’emergenza sanitaria. Quando tutto è iniziato il mio più grande terrore era proprio che si arrivasse a questo punto…”, comincia così il messaggio di Valerio che ha sempre avuto nel padre il suo grande punto di riferimento. “Ho sempre visto mio Babbo come Highlander, la persona più buona ma anche più forte del mondo… l’uomo che in ogni situazione sapeva prendere le redini e gestirla al meglio, anche le più drammatiche… Trovandoci così, senza che lui potesse proteggerci e tutelarci , mi è venuto da pensare “ma queste cose le ha sempre fatte Babbo, non posso, non sono in grado io, ora”.

IL DOLORE DI VALERIO SCANU PER LA MORTE DEL PADRE

Sono stati giorni difficili per Valerio Scanu e la sua famiglia che non hanno potuto dare a papà Tonino l’ultimo saluto che avrebbero voluto. “Beh, Babbo mio, la gratitudine di essere tuoi figli è molto più forte della morte e del dolore che ora ci sta soffocando… Ti amiamo infinitamente”, si legge nel messaggio scritto da Valerio, Alessandro e Sonia. Il cantante sardo, poi, ringrazia tutto il personale sanitario dell’ospedale Mater Olbia che si è preso cura di papà Babbo. Valerio, inoltre, si rivolge a tutti coloro che avrebbero voluto rendere omaggio al padre: “Con grande difficoltà faccio appello alla responsabilità di tutti e vi dispenso dalle visite e dalla partecipazione ai funerali”, aggiunge. Infine un ringraziamento speciale a tutta la sua famiglia che, in un momento così doloroso, è rimasta unita dimostrandosi ancora più solida del solito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA