Valerio Scanu, morto il papà/ Tonino non ce l’ha fatta, ricoverato da 40 gg per covid

- Davide Giancristofaro Alberti

Gravissimo lutto per Valerio Scanu: nelle scorse ore è morto Tonino, il papà dell’ex vincitore di Amici, a causa del covid

Valerio_Scanu
Valerio Scanu

E’ morto il papà di Valerio Scanu. Non ce l’ha fatta il signor Tonino, da diverso tempo ricoverato in ospedale, in terapia intensiva e in gravi condizioni, a causa del covid. Come riferito dai colleghi di Vanity Fair, Scanu senior si trovava precisamente presso l’ospedale Mater di Olbia, in Sardegna, e dopo circa un mese e mezzo ha purtroppo perso la sua battaglia contro il coronavirus. Il papà di Valerio Scanu era giovane, aveva appena 64 anni, ed era impegnato in diversi eventi benefici ed era ovviamente molto legato al figlio.

Al momento, silenzio social da parte del cantante, mentre la notizia è stata data in anteprima da La Nuova Sardegna, quotidiano citato appunto da Vanity Fair. Valerio Scanu era stato ospite meno di una settimana fa, lo scorso 18 dicembre, negli studi di Storie Italiane, e in quell’occasione aveva spiegato: “Babbo è sempre molto grave, ieri ho parlato con un medico che mi ha detto che ha fatto un piccolissimo passo in avanti e noi ci aggrappiamo alla speranza e alla fede, tutto il resto del corpo va benissimo, i suoi organi sono a posto e il suo cuore è fortissimo”.

MORTO PAPA’ VALERIO SCANU: TONINO DECEDUTO PER COVID

Una piccola speranza che purtroppo non è bastata, e oggi è giunta la triste notizia del decesso. Tonino Scanu inizialmente non sembrava così grave, in quanto era stato ricoverato in condizioni tutto sommato discrete dopo che il tampone era risultato positivo, ma durante il decorso ospedaliero il papà del cantante si era aggravato, fino appunto alla morte. Un nuovo grave lutto per la famiglia Scanu, tenendo conto che soltanto un mese e mezzo fa era venuto a mancare il padrino dell’ex vincitore di Amici. In quell’occasione il cantante aveva pubblicato un lungo e commovente post in cui aveva scritto: «Se fossi solo un quarto, per i miei figliocci, del padrino che sei stato tu per me, sarei a posto. Fai buon viaggio».



© RIPRODUZIONE RISERVATA