VANESSA SCALERA/ “Sono molto più morbida di Imma Tataranni, ma lei…” (Domenica In)

- Emanuela Longo

Vanessa Scalera, l’attrice di Imma Tataranni, racconta il suo successo a Domenica In. Il rapporto con la notorietà, i saluti dei suoi cari e…

vanessa scalera domenica in 1
Vanessa Scalera a Domenica In
Pubblicità

Vanessa Scalera torna a Domenica In dopo il successo collezionato con la serie tv Imma Tataranni – Sostituto procuratore. L’attrice svela di essere molto differente dal personaggio che l’ha consacrata al grande pubblico, confermando di essere una persona molto sensibile: “sono molto più morbida di Imma, più morbida, accondiscendente e tenera, però lei – conferma l’attrice – ha in fascino dell’eroe difettoso, anch’io sono difettosa, lo siamo tutti”. Per Vanessa Scalera, i saluti dei numerosi collaboratori che hanno contribuito al successo della fiction di Rai 1, oltre agli amici in collegamento dalla sua Latiano (Brindisi): “è una bella cosa averti nel ricordo, nel pensiero – svela il suo professore di lettere in collegamento – è una bella cosa che tu sia arrivata fin qui. Sono orgoglioso di te. Come era Vanessa a scuola? Parlava, parlava, parlava. Io non riuscivo a metterle un voto cattivo, comunqe”. (Agg. di Fabiola Iuliano)

Pubblicità

VANESSA SCALERA A DOMENICA IN DOPO IL SUCCESSO SU RAI 1

Sarà l’attrice Vanessa Scalera ad aprire la nuova puntata di oggi di Domenica In, la trasmissione condotta da Mara Venier nel giorno festivo di Rai1. Grazie alla fiction Imma Tataranni – Sostituto procuratore, la Scalera è riuscita a conquistare una enorme popolarità all’età di 42 anni. Alla vigilia della messa in onda della fiction, la Scalera aveva fatto una brevissima incursione nella trasmissione di “Zia Mara”, la quale si era ampiamente complimentata con lei dandole appuntamento alle settimane successive: “Se tutto va bene ci rivediamo, torni?”, aveva domandato la conduttrice. “Molto volentieri”, aveva replicato Vanessa, che proprio questo pomeriggio si racconterà al cospetto della padrona di casa e del suo pubblico. L’attrice non mancherà di rinnovare un commento sul grande successo della serie che l’ha vista protagonista regalandole la notorietà. L’attrice pugliese, sentimentalmente legata all’attore e regista Filippo Gili, è figlia di una coppia di infermieri di Latiano. Professionalmente è partita dalla strada provinciale pugliese prima di approdare nella fiction di Rai1. Adesso è nuovamente sul set, attualmente per la serie Sky Romulus ma è stata ingaggiata anche dai Manetti Bros per il loro Diabolik.

Pubblicità

VANESSA SCALERA, DALLA PROVINCIA PUGLIESE ALLA RAI

Tutto è iniziato da Latiano, dove Vanessa Scalera voleva diventare attrice sin da ragazzina: “Mi piaceva mettermi in mostra, recitavo, dicevo le poesie a memoria, ero una grande imitatrice”. Tra le sue imitazioni di “successo”, quella di Adriano Celentano. “La maestra mi portava di classe in classe a far sentire agli altri bambini la mia imitazione. Ero una ragazzina ingombrante, parlavo sempre, crescendo sono diventata più timida”, ha raccontato all’Agi. Con Imma Tataranni per lei tutto è cambiato, quasi inaspettatamente: “Mi aspettavo un certo seguito, ma non prevedevo che avrebbe avuto questa portata. Uno dei fattori del successo si deve probabilmente al fatto che la mia Imma  incarna una tipologia femminile finalmente diversa da quella proposta  tradizionalmente nelle fiction. E’ tosta, a volte anche feroce, e si prende la responsabilità di poter essere anche sciatta, di fregarsene di come appare, la sua è una femminilità stropicciata”, commenta. Ovviamente ci si riconosce molto nel personaggio che ha interpretato. E anche lei, sotto certi aspetti, non ama essere “ridimensionata” sul posto di lavoro, come le è capitato in passato. “Hanno tentato di farmi rientrare nei canoni di bellezza femminili imposti dal mondo dello spettacolo suggerendomi di ritoccare il naso, dicevano che era troppo grosso per i primi piani. E’ storto, è vero, me lo sono rotta da ragazzina, giocando con mio fratello  ma non lo correggerò mai, anche  perché ho una paura terribile di finire sotto i ferri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità