VANGELO COME “SPONSOR” DEL SITO ESCORT/ “Non di solo pane…”, schiaffo ai cattolici

- Dario D'Angelo

Sito di recensioni escort usa un passo del Vangelo nella pubblicità del suo portale: camion itinerante in giro per Roma e Milano, proteste dei cattolici

sito escort vangelo 2019 facebook
Sito escort usa passo Vangelo per farsi pubblicità (foto da Facebook)

Usare un passo del Vangelo per pubblicizzare un sito di recensioni su escort: è questa la trovata del portale “Escort advisor”, che di certo è riuscito nell’intento di far parlare di sé mandando in giro per Roma e Milano quattro camion con cartelloni mobili 6×3 che ritraggono una ragazza in posa ammiccante con panino in mano e sotto la scritta “Non di solo pane vive l’uomo”. Più in basso si rimanda al portale in cui è possibile “votare” e “recensire” le ragazze che forniscono questo tipo di prestazione. Ma c’è di più, come ha riportato il portale Lecco Today, che ha dato la notizia: a Milano, accanto al camion pubblicitario, ragazzi e ragazze con indosso la maglia del sito “animeranno la sosta distribuendo gratis preservativi agli avventori dei locali di diverse zone della città all’ora dell’aperitivo”.

PUBBLICITA’ SITO ESCORT USA PASSO DEL VANGELO

Una campagna pubblicitaria che ha portato i cattolici sul piede di guerra quella che ha utilizzato un passo del Vangelo per sponsorizzare un sito che recensisce di fatto servizi sessuali a pagamento. Nel giro di pochi giorni le immagini dei camion itineranti hanno ottenuto oltre 2mila condivisioni, con molti cittadini che lamentano “l’uso più becero e scandaloso della pubblicità” e l’inopportunità di vedersi passare davanti “queste oscenità” quando si portano i figli al parco. Del resto è la prima volta che in Italia vengono utilizzati metodi “tradizionali” per sponsorizzare siti per adulti. Lo stesso non si può dire per gli Usa, dove nel 2014 a New York venne affisso su un palazzo di Times Square una pubblicità simile per un sito pornografico, poi rimosso a tempo record. Chi gestisce il sito si difende parlando di “trasparenza” del settore, ma la rabbia di molti cittadini sta montando…



© RIPRODUZIONE RISERVATA