Vincenzo Mollica star di Topolino/ L’intervista “definitiva” a Zio Paperone

- Valentina Gambino

Zio Paperone intervista Vincenzo Paperica nell’albo di Topolino, il 3349 in edicola. Chi è Paperica? Ma ovviamente l’alter ego del grande Vincenzo Mollica.

Rosa Maria e Caterina, moglie e figlia Vincenzo Mollica
Vincenzo Mollica

Zio Paperone intervista Vincenzo Paperica nell’albo di Topolino, il 3349 in edicola da questa mattina, mercoledì 29 gennaio 2020. Chi è Paperica? Ma ovviamente l’alter ego del grande Vincenzo Mollica, giornalista del Tg1 e famoso volto televisivo famosissimo per i suoi servizi che passano con estrema facilità dal cinema, alla musica e l’arte del fumetto. Il passato lunedì, proprio il giornalista dell’azienda di Viale Mazzini ha spento 67 candeline e tra un mese circa andrà in pensione. Anche per questo motivo, il direttore di Topolino Alex Bertani ha voluto festeggiarlo con una storia. L’idea è stata motivata da queste parole: “Vincenzo è un grande amico del magazine ed è “grazie a lui e alle sue genuine intenzioni, se tutti quanti abbiamo scoperto film, romanzi, musicisti, fumetti e anche tanto altro!”. Così dunque è tornato in scena Paperica, un bizzarro cronista con la passione per il mondo del cinema, nato dalla matita del Maestro Giorgio Cavazzano nel 1995 con la storia «Paperino Oscar del centenario» (pubblicata su Topolino 2074)”.

Vincenzo Mollica star di Topolino

L’idea di realizzare questo fumetto con protagonista Vincenzo Mollica, pare arrivare addirittura da Andrea Pazienza. Il disegnatore, spesso inseriva nei suoi ballon il simpatico faccione di Mollica. La storia, sceneggiata da Fausto Vitaliano, riguarda “un’intervista definitiva” che Zio Paperone ha dato a Paperica svelando segreti e retroscena sull’accumulo delle sue ricchezze, i suoi grandi amori, i suoi nemici come Rockerduck. La Banda Bassotti dopo essere venuta a sapere dell’intervista, vuole rubare il progetto in anteprima, mettendo in subbuglio l’intera Paperopoli. Il resto sarà una sorpresa tutta da leggere sull’albo di Topolino numero 3349. “Con Vitaliano abbiamo deciso di creare questa storia come gesto d’affetto nei confronti di Vincenzo, che per me è stato un vero amico” commenta il maestro Giorgio Cavazzano. “La nostra è una bella amicizia che dura tuttora e spero che questo gesto e che questa storia gli facciano piacere. Vincenzo è sempre stato un vulcano di idee e mi ha dato un sacco di opportunità straordinarie, come quando ha lasciato il mio numero di telefono a Federico Fellini: senza di lui non sarei mai entrato in contatto con il grande maestro!”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA