Vitello con 3 occhi e 4 lobi nato in India/ Foto “Reincarnazione del dio Shiva”

- Alessandro Nidi

In India è nato un vitello con 3 occhi e 4 lobi e in molti lo considerano la reincarnazione del dio Shiva: il veterinario parla di malformazione genetica

vitello 3 occhi 640x300
Vitello con 3 occhi nato in India (foto: screen Facebook)

Un vitello con 3 occhi e 4 lobi è venuto al mondo in India e la sua foto è rapidamente divenuta virale, dal momento che la popolazione locale ritiene di trovarsi di fronte a una reincarnazione del dio Shiva vera e propria. Succede nel distretto di Rajnandgaon, nello stato del Chhattisgarh, dove in molti si stanno recando a venerare il piccolo animale, nato a metà gennaio e già diventato famoso per quella che, purtroppo, altro non è che una malformazione genetica, che gli ha conferito connotati differenti rispetto agli altri esemplari della sua specie.

Il vitellino, partorito in coincidenza con il Makar Sankranti, la festa del sole e del raccolto, ha 3 occhi e 4 lobi proprio come viene raffigurato il dio Shiva e, malgrado l’impegno del veterinario locale, che si continua a sforzare per spiegare alle persone che si tratta di una rara malformazione, un vero e proprio fiume di persone si sta riversando verso la stalla dove è avvenuta la miracolosa reincarnazione.

VITELLO CON 3 OCCHI E 4 LOBI: PROPRIETARIO PREOCCUPATO PER LA SALUTE DELL’ANIMALE

Il caso del vitello nato con 3 occhi e 4 lobi, riferisce l’agenzia di stampa ANSA, sta facendo il giro dell’India e “la coda di chi è in attesa di prostrarsi di fronte al vitellino, già sommerso da monetine, bastoncini di incenso, ghirlande di fiori, noci di cocco, si allunga di ora in ora. Accanto a chi è fermamente convinto della presenza del dio, arrivano ogni giorno moltissimi curiosi”.

Trapela inquietudine, tuttavia, dalle affermazioni del proprietario dell’animale Neeraj Chandel, preoccupato per la salute dell’animale: “Non è appena è nato, avevo pensato che la terza palpebra sulla fronte fosse una ferita. Questo vitellino mostruoso ha anche la lingua insolitamente lunga, e ha difficoltà a farsi allattare. Non prende abbastanza latte dalla mamma. Inoltre, tutte le persone che vogliono venerarlo e si spingono nella stalla per toccarlo lo innervosiscono”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA