Zaccardi, capo di gabinetto Speranza lascia ministero/ “Via per inchiesta su Covid”

- Silvana Palazzo

Goffredo Zaccardi, capo di gabinetto del ministro della Salute Roberto Speranza lascia ministero: “Motivi personali”. Ma per il Giornale ha detto addio per inchiesta di Bergamo su Covid

Speranza
Roberto Speranza, il Ministro della Salute al Meeting di Rimini (LaPresse, 2021)

Goffredo Zaccardi non è più il capo di gabinetto del ministro della Salute Roberto Speranza. L’addio si è consumato mercoledì sera lasciando molte ombre. “Motivi personali”, questa la motivazione ufficiale che ha fornito. Nel frattempo è stato sostituito dal magistrato Tiziana Coccoluto. Dal Ministero della Salute non trapelano indiscrezioni su questo strano addio, inaspettato, ma stando a quanto riportato da Il Giornale, qualcuno si è lasciato scappare che il motivo per il quale avrebbe lasciato è legato al suo coinvolgimento nell’inchiesta per epidemia colposa aperta a Bergamo dopo la denuncia dei familiari delle vittime della Bergamasca.

Il suo nome compare, infatti, nelle e-mail che Ranieri Guerra, ex numero due dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) aveva mandato al ricercatore Francesco Zambon per fermare il report sulla risposta italiana alla pandemia che avrebbe messo in imbarazzo il nostro Paese per la gestione dell’emergenza e da cui è emerso che mancava un piano pandemico (o meglio non era aggiornato dal 2006).

“AL SETACCIO CHAT ISS, CTS E MINISTERO SALUTE”

Goffredo Zaccardi, di cui Ranieri Guerra parla apertamente per aver partecipato con lui ad una riunione col presidente dell’Iss Silvio Brusaferro, era il collegamento tra il Ministero della Salute e l’Oms. Nei mesi scorsi sono state “setacciate” migliaia di pagine di conversazioni interne al Ministero della Salute, Istituto superiore di sanità e Comitato tecnico scientifico (Cts), acquisite dalla Guardia di Finanza per conto dei pm su telefonini e pc. Sono conversazioni avvenute nei giorni “caldi” della pandemia: quegli sms, messaggi di posta elettronica e chat sono stati esaminati per constatare se vi sono discrasie rispetto a quanto dichiarato ai pm nella versione ufficiale che è stata data loro.

Se così fosse, come pare risulti a Il Giornale, allora partirebbe una raffica di avvisi di garanzia. Dunque, l’addio a sorpresa di Goffredo Zaccardi si inserirebbe in questo contesto così complesso e delicato. Ma al momento non ci sono riscontri ufficiali, solo indiscrezioni che preannunciano clamorosi colpi di scena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA